AmbienteNews

Nuovo progetto pakistano per proteggere 30 milioni di persone dalle esondazioni dei laghi glaciali

Un progetto da 37 milioni di dollari, del quale beneficeranno oltre 30 milioni di persone, è stato avviato in Pakistan per incrementare la difesa contro le esondazioni dei laghi glaciali. L’iniziativa, finanziata dal fondo Green Climate Fund e dal Governo del Gilgit-Baltistan, è partita dal Governo pakistano in collaborazione con l’UNDP, lo United Nations Development Programme.

Come riporta Pakistan Mountain News, il progetto avrà durata quinquennale e mirerà a proteggere le comunità rurali più vulnerabili nelle regioni d’alta quota del Gilgit-Baltistan e del Khyber Pakhtunkhwa, dove moltissime famiglie vivono in povertà. Le nuove misure che verranno adottate comprendono l’installazione di nuovi sistemi di preallarme e l’edificazione di infrastrutture protettive, ma anche la formazione alla prevenzione e al pronto intervento in caso di pericolo.

Il lancio del progetto è avvenuto nei giorni scorsi a Islamabad, davanti agli esponenti di molti dipartimenti governativi; in questa occasione, il sottosegretario presso il Ministero per i cambiamenti climatici, Shakeel Malik, ha descritto in questo modo le cause che hanno spinto il governo a realizzare il nuovo provvedimento: “Quando i laghi glaciali esondano, possono liberare milioni di metri cubi d’acqua e detriti, prendendo vite, distruggendo proprietà e infrastrutture e provocando gravi danni ai mezzi di sostentamento in alcune delle aree più remote e povere del paese“. Un esempio difficile da dimenticare è quello dell’esondazione del lago Booni Gol (regione del Chitral) nel 2010, che ha causato quasi 2.000 vittime e 3.000 feriti.

Si tratta di un’iniziativa ad ampio respiro, ritenuta dal governo fondamentale per l’avanzamento socio-economico del paese. “Questo progetto salverà vite, proteggerà da danni e fornirà mezzi di sussistenza resilienti ai cambiamenti climatici” – ha proseguito Malik – “aiutando il Pakistan a raggiungere i suoi obiettivi per porre fine alla povertà e alla fame entro il 2030, assicurandone uno sviluppo economico e sociale pacifico“.

L’allarme esondazioni è andato aumentando nel tempo, con oltre 3.000 laghi creati a seguito dello scioglimento di molti ghiacciai delle zone montuose del Pakistan. Si calcola che circa 7 milioni di persone siano oggi a rischio diretto in caso di esondazione, motivo per cui il provvedimento è di vitale importanza per la protezione della popolazione.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close