Alpinismo

Con un video Denis Urubko continua la battaglia sulla fine dell’inverno

Tornato, come abbiamo più volte detto, in Italia, Denis Urubko non molla la presa e continua la sua battaglia per l’adozione delle stagioni metereologiche nell’alpinismo in Himalaya e Karakorum.

Questa volta porta avanti la sua posizione con un video postato da lui su youtube, che mostra alcune immagini comparative dei medesimi luoghi. Le prime foto sono scattate i primi giorni di gennaio, durante il trekking di avvicinamento al K2, e le seconde i primi giorni di marzo, quando l’alpinista russo è rientrato a Skardu. La differenza è evidente. 

In video termina con un provocatorio “Benvenuti in primavera”.

 

Tags

Articoli correlati

16 Commenti

  1. E cosa dimostrerebbe? io potrei postare le foto del mio giardino al 15 di gennaio con già qualche viola fiorita e al 2 marzo con 15 cm di neve …parlo di quest’anno

  2. Cambiare le regole è l’unico modo che ha per poter ancora surclassare Simone Moro come numero di prime invernali sugli 8.000

      1. Fantastico il tuo commento, non avrei saputo rendere meglio il mio pensiero . In due parole hai racchiuso il senso. Complimenti davvero.

  3. Per me, che sono vecchio, l’inverno è sempre, sempre, SEMPRE, stato la stagione più fredda. Dicembre, Gennaio, Febbraio.
    Marzo è sempre stato primavera, mese del disgelo.

    Lo dimostra anche il detto millenario:
    la Candelora ( 2 febbraio ) Se la vien con sol e bora de l’inverno semo fora Se la vien con piova e vento de l’inverno semo drento (ancora per febbraio ).

    Ma chi è stato a spostare le stagioni ?! E quando ? E perché ?

    Per forza che parlano di inverni miti … se in inverno ficcano anche Aprile saranno ancora più miti !

    Quello che dice Urubko non è per niente strano …

    Ciao

  4. Il fatto che in questi giorni gli Ice fall doctors stiano già lavorando sull’omonima cascata dell’Everest credo sia la dimostrazione che l’inverno, nel mese di marzo, è già finito da un pezzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close