News

Riecco i No-Tav: bloccati i tecnici Ltf

immagine

TORINO — Da un paio d’anni circa erano scomparsi dalle cronache nazionali anche se, a livello locale, la loro attività di protesta non era mai finita. E stamattina i guerrieri "No-Tav" sono rispuntati con una mossa a sopresa: il blocco dei tecnici che dovevano cominciare i sondaggi geologici per celeberrima Torino-Lione.   

Questa mattina sono cominciati gli studi in 3 dei 91 siti previsti: lo scalo merci di Orbassano, la stazione ferroviaria di Collegno e il sito Amiat di Basse di Stura a Torino. 
 
Mentre all’autoporto di Susa le cose sono andate diversamente. I tecnici della società incaricata Ltf, una volta arrivati sul posto, si sono trovati davanti i presidi di 2-300 manifestanti che ovviamente avevano occupato l’area fin dalla notte, scaldandosi con fuochi.  
 
I tecnici si sono presentati scortati dalle forze dell’Ordine per prendere possesso dei terreni affittati dal Comune. Ma la risposta dei "No-Tav" è stata perentoria: "Non lasceremo i terreni. Il nostro è un gesto di disobbedienza civile. Non siamo disponibili a farvi entrare, non cederemo".
 
I manifestanti hanno ribadito che in qualunque punto della Val di Susa tenteranno di fare un sondaggio loro ci saranno, a difendere la loro terra. Inutili i tentativi di conciliazione da parte delle forze dell’Ordine. A nulla è servito rendere noto l’elenco delle conseguenze civili e penali del blocco: i manifestanti non sono indietreggiati di un millimentro, anzi.
 
Per tutta la notte, hanno presidiato la zona lungo la statale. Qui è prevista la realizzazione di uno dei sondaggi necessari per il progetto preliminare. Ma il clima, a dire il vero, pare meno rovente di quello del 2005, sfociato negli scontri di Venaus.
 
WP

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close