• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Primo Piano, Sicurezza in montagna, Tutorial alpinismo su ghiacciaio, Video tutorial

Andare per ghiacciai, cosa portare?

Il materiale che bisogna portare se si ha intenzione di fare una escursione su ghiacciaio deve essere allo stesso tempo sufficiente e necessario (come si dice in matematica).

Bisogna tenere in considerazione che il pericolo da evitare e saper affrontare è il crepaccio: proprio in questi giorni ho avuto una ulteriore conferma del fatto che i crepacci sono nascosti nei punti dove meno te lo aspetti, anche dove passano decine e decine di persone slegate tutti i giorni, ignare che sotto i loro piedi si aprono oscure e profonde “caverne”.

Assolutamente necessari sono i ramponi (veri) e la piccozza, che deve essere a portata di mano, non fissata allo zaino. Altrettanto importante è calzare l’imbragatura, che deve essere correttamente regolata, a cui agganciarci anelli di cordino per nodi autobloccanti, moschettoni di sicurezza, carrucola, bloccantino, discensore (piastrina) per sosta e per eventuale doppia, un chiodo da ghiaccio – materiale che bisogna saper usare in caso di autosoccorso (come nel caso dell’artva, pala, sonda in valanga).

Indispensabile, come è stato più volte detto in questi giorni, è la corda, che fa aprire un capitolo al quale ognuno da la sua lettura! È buona norma portarsi una corda singola (non una mezza corda – le singole sono ormai leggerissime) di lunghezza di almeno 30 metri (di più nel caso di cordata da 4/5 componenti).

L’abbigliamento deve essere adeguato: scarpe (almeno da trekking pesanti), guanti (anche di riserva), casco, occhiali da sole molto protettivi, pantaloni lunghi (calzamaglia eventuale), abbigliamento a strati per il busto senza mai dimenticare una giacca antivento con cappuccio ed un piumino, berretto di lana, cappellino da sole e crema solare. Il GPS è importante: la nebbia sul ghiacciaio è una brutta bestia!

A parte il materiale bisogna imparare la corretta progressione su ghiacciaio a corda lunga su tratti piani (non troppo lunga! Dipende dal numero di componenti e dalla pericolosità del ghiacciaio), corta su pendio in salita e discesa con attenzione alla crepaccia terminale.

Tanta esperienza è indispensabile, che può essere acquisita anche con le Guide Alpine.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.