Cronaca

AGGIORNATO – Sella Nevea, valanga travolge due scialpinisti. Uno grave

AGGIORNAMENTO – Questa mattina attorno alle 11.30 si è staccata una valanga nel Gruppo del Monte Canin, tra il Monte Golovec e Sella Prevala, ad una quota di 2200 metri circa, nel tratto in traverso che collega il cosiddetto “sperone del Medon” alla sella stessa. Il distacco è avvenuto durante il passaggio di alcuni sci alpinisti, un gruppo di persone che salivano dall’itinerario del Monte Poviz, diretti verso Sella Prevala.

Il gruppo era formato da sette persone, di sesso maschile, tutti provenienti dal tolmezzino e dalla Carnia.
Il distacco della valanga è avvenuto attorno alle 11.30, mentre due elementi del gruppo si trovavano qualche decina di metri più avanti rispetto agli altri. Il fronte che si è staccato è di circa duecento metri con una massa nevosa importante grazie ai 40-50 centimetri di nuovo apporto e fino ai due metri e mezzo di accumulo nello scivolamento della valanga finale. La valanga era del tipo a lastroni. I due scialpinisti sono stati travolti e trascinati in basso. I compagni di escursione hanno messo subito in atto le manovre di autosoccorso grazie all’impiego degli apparecchi da ricerca di sepolti in valanga (ARTVA) e hanno estratto con l’aiuto delle pale uno dei due, che era rimasto solo parzialmente sepolto e che ha una sospetta frattura al ginocchio. Il secondo è stato individuato più tardi, più in basso, sotto circa due metri e venti di neve e in parte è stato dissepolto dagli stessi compagni.

Le squadre di soccorso, composte da polizia, Guardia di finanza di Sella Nevea con operatore cinofilo, squadre del CNSAS – FVG di Cave del Predil e di Moggio Udinese, in tutto tredici uomini, sono arrivati sul posto attorno alle 13 grazie agli impianti di risalita fino a Sella Prevala e poi con gli sci ai piedi traversando sotto il Golovec. Poco dopo è arrivato anche il medico rianimatore assieme con l’elicottero della Protezione Civile che si è alzato in volo da Tolmezzo.
Il secondo sci alpinista è stato liberato dalla neve e portato a bordo del velivolo in stato di incoscienza e in grave ipotermia verso l’ospedale di Udine dove si attende una prognosi dai medici rianimatori del PS.
Non si hanno indicazioni sulle generalità perché in corso di accertamento da parte dei militari della Guardia di Finanza.
Melania Lunazzi addetta stampa CNSAS – FVG


Rifugio Gilberti

Una valanga si è distaccata a Sella Nevea, nella zona Funiforn, non distante dal rifugio Gilberti, in Alto Friuli. Due gli scialpinisti travolti, che facevano parte di un gruppo composto da altre 6 persone, rimaste illese. L’allarme è stato lanciato alle 11.45.

Sul posto stanno operando il 118, il soccorso alpino, le squadre della Guardia di Finanza, della Protezione civile e dei vigili del fuoco. La nebbia e le condizioni meteo non permettono al momento di far decollare l’elisoccorso.

Dagli ultimi aggiornamenti, i due sono stati estratti vivi, uno è però in condizioni critiche ed è sottoposto a rianimazione sul posto in attesa che possa decollare l’elicottero del 118 per trasportarlo in ospedale. L’altro scialpinista ha subito solo lievi ferite alla gamba. 

Tags

Articoli correlati

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close