• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo

San Lorenzo: Up tra capanne, ricognizioni e donne

immagine

SAN LORENZO, Patagonia — In attesa che il San Lorenzo si spogli delle nubi che ne rendono impossibile la vista, la banda di Up Project  si dedica a una ricognizione sul ghiacciaio ai piedi della montagna e alla costruzione di un solido rifugio di legno al campo base.

La montagna ancora non si è vista, protetta dalle umide nubi che arrivano da Ovest e che la avvolgono come un lenzuolo. Fa anche fresco sotto il San Lorenzo, così la banda di UP ha deciso di costruirsi una piccola capanna di legno nel luogo del campo base.
 
Un accampamento al margine del bosco, che offre quindi sia un solido riparo al vento sia la possibilità di scaldarsi un po’ al fuoco in queste lunghissime attese tipiche dei viaggi patagonici.
 
Una scelta forse difficile, quella di dover decidere il pezzo di terra che sarà la tua casa per più di venti giorni. L’altra possibilità di accampamento era solo più avanti, ad un’ora da questo nuovo campo base. Era più esposta e vicina al ghiacciaio, ma avrebbe offerto le vicine e caldissime fonti di acqua termale. Un lusso non da poco.che però la banda di UP ha sacrificato in virtù delle sue ultime scelte.
Lunedì intanto i nostri hanno fatto una prima ricognizione fin sul ghiacciaio sotto la montagna. Una camminata di circa 3 ore che li ha portati alla base del ramo laterale del ghiacciaio che sale alla parete (nella foto – dall’archivio spedizione 2002).
 
Le nevicate dei giorni scorsi hanno portato solo un po’ di polvere di 20/25 centimetri di spessore che il vento sta già provvedendo a spazzar via. Purtroppo la parete, come già detto, ancora non si è vista.
Un’ultima importantissima novità che ci è arrivata è quella di una compagnia femminile al campo base. Dai bagagli di Berna è infatti sbucato fuori un poster della bella Elena Santarelli, una presenza che, conoscendo i personaggi, credo possa turbare i sonni più profondi di ognuno di loro!
Buon divertimento.
 
Luca Maspes
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.