Outdoor

Italia d’argento alla Pierramenta

immagine generica

ALBERTVILLE, Francia — Due ottimi secondi posti e una bellissima vittoria nel settore giovani. Si chiude così, per l’Italia, la Pierramenta 2008, una delle più famose e spettacolari scialpinistiche del mondo, disputata nei giorni scorsi sulle montagne francesi.

 
Dopo i campionati del mondo dove gli italiani hanno complessivamente dominato, è toccato alla Pierramenta esprimere un ulteriore verdetto su questa stagione invernale. Gli azzurri, qui, sono arrivati solo all’argento.
 
Francesca Martinelli e Roberta Pedranzini sono infatti seconde nella classifica femminile, così come Guido Giacomelli con Hans Lunger in quella maschile.
 
Ma sembra che l’Italia dello scialpinismo possa essere sconfitta solo da coalizioni internazionali. Per superare gli azzurri, infatti, è stato necessario che atleti di ben tre nazionalità diverse si coalizzassero. Lo svizzero Florent Troillet e lo spagnolo Kilian Burgada hanno conquistato il primo posto maschile, mentre la francese Letitia Roux è salita su quello femminile in coppia con la svizzera Etzpenger.
 
Grande successo azzurro, invece, nel campo giovanile. Dai Tempi di Giacomelli-Pedergnana non si assisteva ad una superiorità tanto netta delle nuove leve italiane.
 
Robert Antonioli dell’Alta Valtellina e Micky Boscacci dell’Albosaggia hanno la classe e la stoffa dei campioni più blasonati. Hanno conquistato tutti gli ori e gli argenti disponibili ai Mondiali ed hanno letteralmente strapazzato tutti alla Pierramenta. Hanno lasciato alle spalle i francesi, di ben due anni più vecchi.
Mchele, figlio d’arte, e Robert cresciuto da Davide Canclini e Luca Dei Cas, stanno dimostrando che nulla si inventa e che nulla arriva per caso. Lavoro, impegno in silenzio e tanta passione: questi gli ingredienti del successo.
 
Altri bei risultati arrivano da Elisa Fleichmann e Tamara Lunger, prime nella categoria espoir donne dove seconde ci sono Chanoine – Cuminetti. Matteo Eydallin con lo Svizzero Bruchez sono primi nell’espoir uomini. Martina Valmassoi e Stefania Zanon sono terze nella junior donne, mentre Sigmund e Winfrid Thaler sono terzi nella junior uomini.
 
Era dalla fine degli anni Novanta – epoca d’oro dei ragazzi dello Sci Club Alta Valtellina che hanno raccolto successi su tutte le nevi d’Europa – che il settore giovanile subiva spessp la concorrenza straniera. Quest’anno la musica è cambiata.
 
Luca Salini
 
 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close