• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Ambiente, Primo Piano, Ricerca

Superare in volo i massicci himalayani? Serve traiettoria da "montagne russe"

Bar-headed_Geese-_Bharatpur_I_IMG_8337-300x212.jpg

BANGOR, Regno Unito — Il volo migratorio dell’oca indiana incuriosisce da sempre gli scienziati. Questa specie, infatti, si sposta tra Mongolia, Tibet e India volando al di sopra dei massicci himalayani e superando a volte i 7000 metri di quota. Un recente studio ha mostrato come questi uccelli seguano una traiettoria da “montagne russe” con rapidi cambi di quota ed evoluzioni.

Nel 2011 e 2012 un gruppo di ricerca internazionale guidato da Charles Bishop, zoologo della Bangor University, nel Regno Unito, ha seguito la migrazione delle oche indiane attraverso dei rilevatori satellitari, notando che gli animali preferivano volare durante la notte e alle prime ore del mattino per sfruttare l’aria più fredda e più densa che li avrebbe aiutati a diminuire lo sforzo.

I ricercatori hanno quindi installato dei rilevatori su quattro oche, per ricevere i loro dati fisiologici (temperatura, battito cardiaco etc…) durante un intero anno in modo da poterli confrontare con i dati relativi al volo effettuato. É emerso che, in media, gli esemplari volano ad una quota di circa 4500 metri, ma cambiano altitudine molto frequentemente, superando in rari casi anche i 7000 metri.

Ad esempio, una delle quattro oche studiate è scesa di 1000 metri di quota in 20 minuti ed è poi salita di oltre 2000 nei successivi 90 minuti. Questo tipo di traiettoria è stato definito dai ricercatori a “montagna russa” poichè i volatili non mantengono la stessa quota per l’intero viaggio, ma salgono e scendono a seconda delle correnti o della necessità di ossigeno. Questa straordinaria abilità è data dalla fisiologia dell’animale che trova la soluzione più efficiente dal punto di vista energetico a seconda dell’ambiente in cui si trova.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.