News

Skialp: attesa per il raduno in Adamello

MADONNA DI CAMPIGLIO, Trento — Strepitoso successo per il raduno scialpinistico in Adamello organizzato dalla Sat Valgenova: in poche ore, gli appassionati hanno sbancato le iscrizioni ed esaurito tutti i posti disponibili. L’appuntamento è ora per sabato mattina, quando la cordata di scialpinisti inzierà lo spettacolare tour tra i ghiacciai dell’Adamello.

Due giorni di full immersion in uno degli ambienti più affascinanti e selvaggi delle Alpi. Da vivere praticando uno degli sport invernali più belli e naturali: lo scialpinismo. Il raduno della Val Rendena è  sicuramente uno degli eventi più belli dell’inverno in Trentino, ed ogni anno conta sempre maggior entuasiasmo tra i partecipanti.
 
Quest’anno, i posti disponibili erano ottanta. E sono andati a ruba in poche ore. "L’anno prossimo – fanno sapere gli organizzatori -, viste le numerose richieste, organizzeremo il Raduno appoggiandosi ad entrambi i rifugi Mandròn e Lobbia Alta".
 
Il ritrovo, per i partecipanti, è fissato alle 6.30 di sabato 15 marzo presso la sede della Società degli Alpinisti Tridentini (Sat) di Caderzone. Poi con il pullman, gli iscritti si trasferiranno al Tonale e saliranno al ghiacciaio Presena, dove inforcheranno gli sci per scendere al Lago Scuro (2668 metri). Qui metteranno le pelli, saliranno al Passo Pisgàna (2933 metri) e poi alla Cima Venezia (3290 metri).
 
Poi una discesa fino al ristoro, seguito da una nuova salita. Gli scialpinisti attraverseranno il
ghiacciaio del Mandròn (2900 metri) per raggiungere il rifugio Lobbie “Ai Caduti dell’Adamello” (3030 metri), dove è prevista la cena con pernottamento. Da lì la mattina di domenica si partirà verso il Passo Cavento (3198 metri).
 
Qui è prevista una calata in sicurezza seguita dalle Guide Alpine della Val Rendena tramite imbraco personale e corde dell’organizzazione, fino al Ghiacciaio di Làres. Da qui si risalirà fino alla cima del Corno di Cavento (3406 metri). Poi, l’emozionante discesa verso il Lago di Larès, dove sarà allestito un ristoro, e verso Ponte rosso in Val Genova (1170 metri) dove un pullman raccoglierà gli scialpinisti per portarli alla cena sociale dove veranno consegnati i pacchi gara.
 
In caso di maltempo, nessuno si preoccupi. L’organizzazione ha già elaborato un piano B: la scialpinistica di Val Gelada fino a Bocca Tre Sassi (2614 metri) nella giornata di sabato e la salita al Doss del Sabiòn (2100 metri) dal lago di Valagola, sopra Pinzolo, nella giornata di domenica. E in questo caso, agli iscritti verrà rimborsata parte della quota di partecipazione versata.
 
Il raduno della Val Rendena, giunto ormai alla sua 27esima edizione, ha respiro internazionale ed è organizzato dalla Sat Val Genova di Bocenago, Caderzone e Strembo, in sinergia con l’Azienda di promozione turistica di Madonna di Campiglio e Pinzolo in Val Rendena. La Sat, fondata proprio a Madonna di Campiglio il 2 settembre 1872, è la sezione più numerosa del Club Alpino Italiano.
 
 
 
Foto courtesy www.satvalgenova.it

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close