News

Trovato l’aereo caduto: no superstiti

updated CARACAS, Venezuela — E’ stato trovato sulle montagne di Los Conejos l’aereo di linea con 46 persone a bordo è precipitato sulle montagne interne al paese. Secondo fonti locali, non ci sono sopravvissuti. Lo schianto sulla Cordillera venezuelana.

L’aereo era un bimotore Atr42-300 della compagnia Santa Barbara Airlines (nella foto), ed è precipitato dopo il decollo dalla città di Merida, 500 chilometri a sudovest di Caracas. Doveva atterrare all’aeroporto Simon Bolivar, che serve la capitale venezuelana. La rotta era quella più diretta, che per quasi tutto il tragitto sorvola le montagne. Tuttavia il velivolo avrebbe cambiato traiettoria a causa delle cattive condizioni meteo.
 
A bordo c’erano 43 passeggeri e 3 membri dell’equipaggio. Secondo quanto riferisce la Protezione civile, il velivolo si è schiantato nella zona montuosa della Cordillera de Merida. Si tratta di una regione con montagne molto alte fra cui il Picco Bolivar che tocca il 5007 metri d’altezza. Alcuni abitanti del luogo hanno segnalato di aver visto ieri sera l’aereo in una zona molto impervia.
 
Noel Marquez, responsabile della Protezione civile di Merida, ha detto che il velivolo è stato individuato da tre elicotteri a Los Conejos e non, come detto inizialmente, nella zona conosciuta come il Coyado del Condor nel Paramo de Piedra Blanca, considerato il punto di transito automobilistico più alto venezuelano, a circa 4.750 metri.
 
Lassù infatti le squadre di soccorso partite via terra non hanno trovato traccia del velivolo. Secondo fonti delle autorità locali non ci sono supestiti. Tutte le persone a bordo erano di nazionalità venezuelana. 
 
Si tratta della seconda tragedia aerea avvenuta dall’inizio dell’anno in Venezuela. Il 4 gennaio scorso, nel tratto di mare intorno all’arcipelago venezuelano di Los Roques, si è infatti misteriosamente inabissato un aereo della compagnia Transaven, decollato da Caracas con 14 persone a bordo, otto delle quali italiane. Di loro non si è più avuta notizia.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close