News

Walser Express dentro il Monte Rosa

Walser Express, percorso progettato

MACUGNAGA, Verbania — Si chiamerà "Walser express" e vi porterà nelle viscere del Monte Rosa per poi sbucare in quello che, nelle previsioni, sarà il più grande comprensorio sciistico del mondo. Verrà presentato nei prossimi mesi il progetto preliminare di un trenino che, in futuro, potrà offrire uno spettacolare collegamento in quota fra Macugnaga, le valli di Zermatt, Gressoney e Courmayeur.

Stando al progetto preliminare che verrà presentato entro tre mesi a Comune, Provincia e Regione Priemonte, il trenino dovrebbe partire da Macugnaga per arrivare prima in Svizzera e poi in Val d’Aosta, collegando tutti i comprensori sciistici più importanti della zona per un totale di quasi 800 chilometri di piste che sfiorano i 3.500 metri d’altezza.
 
Si tratterà di una linea ferroviaria a metà strada fra il celebre "trenino rosso" che viaggia sul ghiacciaio del Bernina e lo spettacolare convoglio che attraversa la parete Nord dell’Eiger fino a giungere allo Jungfrau. Ma molto, molto più grande.
 
Il progetto è già stato studiato nelle sue singole tratte. La prima prevede una funicolare sotterranea, con un dislivello di 1480 metri e un percorso in galleria di 3450 metri porterebbe al Monte Moro, dove sono allo studio un albergo, un osservatorio astronomico e un museo del ghiaccio in collaborazione con la Svizzera.
 
La seconda tratta invece si sviluppa con un treno a cremagliera che arriva fino allo Schwarzberghorn, con un dislivello di 660 metri e un tragitto di 5325 metri. Una volta costruita, sarà la ferrovia a cremagliera più alta d’Europa, visto che transiterà a circa 3500 metri d’altezza.
 
Successivamente, con un piccolo traforo, la linea si dovrebbe allargare al territorio valdostano comprendendo Valtournenche, Champoluc e Gressoney. Intorno al Monte Rosa, dunque, potrebbe nascere il più grande comprensorio sciistico e turistico del mondo. 
 
La Regione Piemonte guarda con grande interesse a un progetto che valorizzerebbe l’intero comprensorio. "Se le autorità competenti daranno il via libera – spiega Roberto Sala, consigliere comunale di Macugnana e promotore del progetto – i lavori dovrebbero partire nel disgelo del 2009. Dureranno da 5 a 7 anni e saranno in project financing, ovvero vedranno l’apporto finanziario anche di capitali privati", fra cui alcune imprese di costruzioni e banche. Top secret, per ora, i nomi.
 
Il costo dell’opera si aggira sui 350 milioni di euro. Si tratta di un progetto dalle enormi potenzialità turistiche e, stando alle indiscrezioni, dal basso impatto ambientale. L’88 per cento dell’opera infatti verrà costruita in sotterranea e non dovrebbe alterare l’ambiente circostante.
 
I materiali residui, poi, verranno recuperati per costruire la stazione del Monte Moro, per le piste da sci e per realizzare un parcheggio a Macugnaga. Il paese infatti verrà chiuso totalmente al traffico e si potrà circolare solo con vetture elettriche.
 
Walser Express, percorso primo tratto Walser Express, arrivo

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close