News

Barmasse: tappa forzata a Buenos Aires

BUENOS AIRES, Argentina — "Falsa partenza" per la spedizione al Cerro Piergiorgio 2008. Un guasto alla jeep  ha bloccato nella capitale argentina Mario Conti ed Hervè Barmasse, che a quest’ora avrebbero dovuto aver già raggiunto Giovanni Ongaro a El Chalten ed essersi incamminati verso la Piedra del Fraile.

Quest’anno abbiamo deciso di scendere verso la Patagonia e la provincia di Santa Cruz con la jeep – racconta Barmasse – non con l’aereo come nelle precedenti spedizioni. Sarà per questo scaramantico cambio d’abitudine che la sfortuna ci riserva un tiro mancino: la jeep, invece di esser pronta all’aereoporto, la ritroviamo con un guasto al motore dal meccanico.
 
A pensarci bene, che fortuna. Pensate se il guasto improvviso, al posto che avvenire nel tragitto verso l’aereoporto, fosse avvenuto a metà strada. Almeno qui a Buenos Aires abbiamo la possibilità di ovviare al problema con un’altra soluzione: aereo o altra macchina.
 
La città di Buenos Aires offre moltissimo a chi decide di scegliere come meta delle sue vacanze l’Argentina. Passare uno o due giorni in questa città di 15 milioni di abitanti può esser occasione per seguire uno spettacolo di Tango nel quartiere di San Telmo o in una Milonga, gustare il primo filetto di carne argentina in riva di Puerto Madero, passeggiere per Avenida Florida o passare una notte in uno dei tanti nuovissimi locali di Palermo Hollywood.
 
Se poi la vostra visita nella capitale avviene di giovedì, davanti a Casa Rosada verso le 17 potete vedere le madri de Plaza de Mayo che continuano la loro battaglia e la loro protesta nei confronti diella Guerra Soucia. Questa però non è una tappa turistica, per capirla bisognerebbe informarsi bene sulla storia dell’Argentina e su uno dei periodi buii del regime dal 1976 al 1983.
 
Venerdì 11 gennaio, alle 18, una telefonata ci avverte che la jeep è stata riparata in tempo record. Domani possiamo partire per la Patagonia. A presto…
 
Hervè Barmasse

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close