• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
News

“In viaggio sulle Orobie”: parte il 10 luglio il tour delle Grigne

tourdellegrigneFOTOMAUROLANFRANCHI-300x169.jpg
"In viaggio sulle Orobie" (Photo courtesy of Mauro Lanfranchi)
“In viaggio sulle Orobie” (Photo courtesy of Mauro Lanfranchi)

LECCO – “Non una cima, ma un mondo intero”, diceva delle Grigne Riccardo Cassin. Alla scoperta di quel mondo parte giovedì 10 la seconda edizione del tour “In viaggio sulle Orobie”, un viaggio a piedi del massiccio più famoso tra le Prealpi Lombarde.

Tra splendide creste di roccia dolomitica, scortati dalla guida alpina Fabrizio Pina, si avventurerà un gruppo di personaggi molto vari, a cui sarà possibile unirsi, sia nei rifugi, sia durante il percorso. Ci saranno monumenti dell’alpinismo come Giuseppe Alippi, Nives Meroi e Romano Benet, assieme all’attore e scrittore Giuseppe Cederna, il giornalista di Repubblica Leonardo Bizzaro, il fotografo Mauro Lanfranchi, l’esperto di storia dell’alpinismo Alberto Benini, l’artista Leonardo Sangiorgi, lo storyteller e snowboarder Emilio Previtali, la fondista Awa Tometi, i musicisti Martin Mayes e Saul Casalone, la promotrice di Immagimondo Silvia Tantardini e gli chef Michele Sana e Nicola Esposito.

Quattro tappe, tra paesaggi mozzafiato e accoglienti rifugi, per conoscere ambiente, arte, cultura e tradizioni locali anche grazie a concerti, scatti fotografici, conferenze e letture, organizzati durante le soste. Le location raggiunte saranno i Piani dei Resinelli, il rifugio Riva, il rifugio Brioschi, il rifugio Rosalba e di nuovo Piani dei Resinelli. Si traccerà in questo modo un anello, entrando nel cuore di quel grande universo rappresentato dalle Grigne.

Il gran finale, previsto per domenica 13 luglio ai Piani dei Resinelli, vedrà la nomina ufficiale ad Ambasciata del Terzo Paradiso del distretto culturale del Barro per le attività svolte da due anni a questa parte. A presentarla, Michelangelo Pistoletto, artista e ideatore del Terzo Paradiso, esempio di presidio e tutela di uno sviluppo territoriale sostenibile.

Dopo il primo Viaggio nell’estate 2013, quando la rivista Orobie guidò un gruppo di personaggi molto vario, una specie di “compagnia di giro” lungo il Sentiero delle Orobie che si snoda tra la natura intatta e i bellissimi panorami della montagna bergamasca, il Tour delle Grigne è la seconda tappa di un progetto che si propone di per avvicinare un pubblico sempre più vasto alle montagne lombarde e al loro ambiente. L’evento si propone quest’anno anche come occasione preziosa per celebrare l’incontro con la natura, promuovendone eccellenze e unicità anche in vista di Expo 2015.

Per questa iniziativa Orobie è affiancata dai suoi sponsor istituzionali (Fondazione Credito Bergamasco, Italcementi Group, Sacbo e Oriocenter), ai quali si aggiungono il Cai nazionale con diverse sue sezioni (prime fra tutte quelle di Lecco, Bergamo e Milano), l’Unione bergamasca CAI, il Comune di Lecco, le Comunità montane del Lario orientale-Valle San Martino e della Valsassina, la Camera di commercio di Lecco, Confcommercio Lecco, il Collegio regionale delle Guide alpine lombarde e Sport Specialist.

Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

  1. Belle queste iniziative e bravi tutti i promotori e partecipanti!
    Idea analoga quella del festival IMS.
    Auspico che in futuro le istituzioni investano maggiormente e in modo mirato sulla fruibilità delle bellezze del territorio. Occorre un grande piano, esteso sul territorio e di lungo periodo, di sistemazione delle strade, ridotte alla sfascio, allargandole con piste ciclabili come in nord Europa. Laddove possibile ovviamente.
    Sistemare una volta per tutte e in modo standard, come in Svizzera, tutta la rete sentieristica regionale mettendo mappe e tracce GPS i un sito internet unico.
    Sistemare la ciclabile dell’Adda che è un luogo di rara bellezza.
    Con tutto il denaro prelevato dalle fiorenti attività industriali si può fare tutto questo con una modesta spesa. Non solo autostrade ed Expo. Non solo patti di stabilità folli e senza futuro.
    Guardate fuori dalla finestra che meraviglie che abbiamo, senza dover scappare all’estero!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.