Scienza e tecnologia

Soccorso: localizzare i cellulari si può

immagine

TRENTO — Arriva dai servizi segreti e militari il futuro del soccorso alpino per la ricerca dei dispersi. Si tratta di una nuova tecnologia in grado di localizzare, a distanza di chilometri, la posizione precisa di qualsiasi telefono cellulare acceso.

Il nuovo sistema è stato testato con successo nei giorni scorsi a Tesero, in Val di Fiemme, in una esercitazione organizzata dal soccorso trentino alla quale hanno partecipato i vertici dei soccorsi alpini di tutta Italia e anche di paesi esteri.
 
Un "finto disperso", durante la simulazione, è stato localizzato nel giro di pochi minuti: il segnale del suo cellulare è stato trovato e, nel raggio di un paio di chilometri, l’apparecchio elettronico è stato in grado di isolarlo da tutti gli altri telefonini funzionanti della zona.
 
La tecnologia è nata cinque anni fa ed è stata finora utilizzata solo dall’esercito e dalle forze di polizia per le intercettazioni ambientali. Era complessa e ingombrante, ma grazie a una serie di migliorie tecnologiche oggi ha raggiunto dimensioni tali da poter immaginare il suo utilizzo anche a bordo degli elicotteri.
 
Il costo rimane comunque piuttosto alto: 250 mila euro. E restano da apportare altri miglioramenti tecnologici. Ma  in futuro diventerà quasi sicuramente uno dei mezzi principali utilizzati per la ricerca dei dispersi in montagna.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close