• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
News

Escursionista ritrovato dopo 5 giorni grazie al “vecchio” cellulare

2810093923_db7fa89be1_b-300x249.jpg
Un vecchio telefono cellulare (Photo courtesy fsse8info on Flickr)
Un vecchio telefono cellulare (Photo courtesy fsse8info on Flickr)

TAICHUNG, Taiwan — In un periodo in cui si cerca di avere l’ultimo telefono cellulare uscito sul mercato, sembra che possedere un vecchio modello sia molto più utile, almeno in montagna. Un escursionista taiwanese è stato infatti localizzato e soccorso dopo 5 giorni grazie al suo “antiquato” telefonino, rimasto acceso per tutte quelle ore.

Secondo quanto riporta Nbc news, un gruppo di escursionisti taiwanesi si è diretto venerdì 20 giugno sulle montagne del distretto di Taichung, nella zona centro-occidentale dell’isola di Taiwan. Uno di loro è però rimasto indietro e non è più riuscito a ritrovare i compagni.

Nel tentativo di ritrovare il resto del gruppo, il 70enne è scivolato per diversi metri, finendo in un dirupo. Alle operazioni di ricerca hanno partecipato centinaia di soccorritori, ma è stato grazie al telefono cellulare dell’uomo che sono riusciti a salvarlo.

L’escursionista possedeva infatti un modello risalente a circa 10 anni fa che, non solo è stato localizzato grazie al segnale Gps, permettendo così di circoscrivere la zona di ricerca, ma è rimasto acceso fino a mercoledì 25, quando finalmente il 70enne è stato ritrovato e riportato a valle.

Photo courtesy fsse8info on Flickr

Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

  1. Se parliamo di autonomia in stand-by i cellulari moderni sono molto più performanti.
    E’ pur vero che il 3G richiede più energia rispetto al GSM e che tendenzialmente su uno smartphone girano molte App in background che diminuiscono considerevolmente l’autonomia.
    Aggiungo che oggi, con sensore GPS attivo e una App come Dondesta, senza aumentare il consumo energetico, avrebbero potuto ricavare le coordinate del disperso con un SMS. Ovviamente sotto copertura di rete.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.