AlpinismoAlta quota

Everest Sud, uno sherpa morto e un altro ferito in un crepaccio dell’Icefall

Icefall
Icefall

KATHMANDU, Nepal — Due incidenti distinti si sono verificati pochi giorni fa sul versante nepalese dell’Everest dove gli sherpa, già da alcune settimane, sono al lavoro per attrezzare la via e permettere la salita dei tantissimi team che si apprestano a raggiungere il campo base della montagna. Uno sherpa è morto per edema polmonare mentre un altro, un “Icefall Doctors” è rimasto ferito cadendo in un crepaccio, sotto campo 1.

Dei due episodi riferiscono diversi siti, tra cui quello di Alan Arnette, l’alpinista scrittore che aggiorna puntualmente degli avvenimenti dell’Everest. L’incidente mortale è avvenuto la settimana scorsa a uno sherpa del team canadese Peak Freaks: a dare la notizia è stato lo stesso proprietario dell’agenzia, Tim Ripple che sul suo sito informa della morte per edema polmonare. Lo sherpa aveva mostrato sintomi di mal di montagna al campo base, ed era stato trasportato alla clinica di Lobuche per ricevere cure immediate. Secondo il racconto di Ripple, l’uomo, nonostante qualche segno di miglioramento, sarebbe morto il giorno dopo.

Il secondo incidente è capitato a uno degli “Icefall Doctors”, vale a dire il gruppo ristretto di sherpa che si occupa di attrezzare le corde fisse tra il campo base e il campo 2 e di mettere le scalette per attraversare i grandi crepacci dell’Icefall, la famosa crepacciata che tutti coloro che vogliono arrivare in cima all’Everest e al Lhotse devono superare per raggiungere il campo 1. Un compito quello degli sherpa reso pericoloso anche dal fatto che l’Icefall è instabile e in movimento, per tanto richiede costante osservazione.

Secondo Arnette, lo sherpa stava attrezzando un tratto vicino a campo 1, quando sarebbe caduto in un crepaccio. La caduta gli avrebbe procurato un brutto trauma a una gamba. L’uomo sarebbe stato trasportato al campo base e da qui evacuato in elicottero.

 

 

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close