• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Primo Piano

Pericolo valanghe, Comune di Courmayeur chiude la Val Ferret

640px-Courmayeur_flickr02-300x168.jpg
Courmayeur con a sinistra la Val Ferret e a destra la Val Veny (Photo courtesy of Wikimedia Commons/Flickr)
Courmayeur con a sinistra la Val Ferret e a destra la Val Veny (Photo courtesy of Wikimedia Commons/Flickr)

COURMAYEUR, Aosta — L’amministrazione comunale di Courmayeur ha disposto ieri la chiusura totale della Val Ferret e del tratto che collega le frazioni di Larzey ed Entrèves. La decisione è stata presa in seguito alle nevicate verificatesi nella zona tra domenica e lunedì, le quali hanno costretto la chiusura per alcune ore anche del Traforo del Monte Bianco.

La neve non dà tregua all’Arco Alpino: dopo l’emergenza nel nord-est e i divieti di escursione su Grigne e Gran Sasso, un nuovo divieto di accesso a una vallata alpina arriva niente meno che da Courmayeur. La Val Ferret è stata infatti chiusa al transito sia veicolare che pedonale a causa delle abbondanti precipitazioni che si sono concentrate nella zona in poche ore. A questo, è seguito anche il divieto di transito sul tratto stradale che dalla frazione di Larzey porta alla frazione di Entrèves.

Entrambi i divieti sono entrati in vigore alle 14:30 di ieri, lunedì 10 febbraio, a seguito del consulto tra la Commissione Valanghe e l’Amministrazione Comunale di Courmayeur. “Sono tra i 60 e i 70 i centimetri di neve fresca caduti ieri in Val Ferret – ha dichiarato Federica Cortese, Assessore all’Ambiente e al Territorio di Courmayeur – e al momento il rischio valanghe è pari a 4, forte, su una scala di grado massimo 5” “Non possiamo ancora garantire il giorno di riapertura – ha concluso la Cortese – Valutiamo di ora in ora la situazione con la Commissione Valanghe Comunale e le famiglie restate in quota.”

Sempre a causa della perturbazione abbattutasi sulla Valle d’Aosta, ieri mattina il Traforo del Monte Bianco ha sospeso la circolazione dei mezzi pesanti per circa 5 ore. Lo stop era scattato per motivi di sicurezza in quanto la differenza di pressione barometrica tra i due imbocchi della galleria era eccessiva.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.