Ambiente

Ghiacciaio Marmolada, scioglimento "limitato" per l'estate 2013

Ghiacciaio della Marmolada durante l'estate (Photo courtesy of Wikimedia Commons)
Ghiacciaio della Marmolada durante l’estate (Photo courtesy of Wikimedia Commons)

CANAZEI, Trento– L’estate 2013 non ha influito pesantemente sullo scioglimento del ghiacciaio della Marmolada. A rivelarlo è il Centro Meteo Italiano che ipotizza addirittura un guadagno in termini di grandezza grazie ad un inverno nevoso e ad un estate non afosa e in ritardo.

Lo scioglimento dei ghiacciai è un problema che affligge numerose zone dell’arco alpino e che peggiora di anno in anno. Quello della Marmolada, il più grande delle Dolomiti, si è dimezzato in poco più di 60 anni passando dai 450 ettari degli anni quaranta ai 200 degli ultimi anni. Secondo quanto pubblicato da Centrometeoitaliano.it, lo scioglimento non sarebbe però stato ingente durante la stagione calda 2013.

Grazie alle abbondanti nevicate della stagione invernale e ad un’estate arrivata in ritardo e con temperature non eccessive, i ghiacci della Regina delle Dolomiti si sono preservati meglio rispetto agli anni precedenti, tanto che potrebbe aver guadagnato qualche metro. Inoltre l’introduzione dei teli geotessili stesi su una superficie di 2500 metri quadrati ha aiutato il ghiacciaio a preservarsi.

L’esperto dell’Arpa Veneto Anselmo Cagnati si è detto molto contento di questa notizia, ma ha immediatamente smorzato i toni dicendo che è prematuro parlare di un’inversione di tendenza. Occorrerebbero infatti molti inverni consecutivi con temperature rigide e abbondanti precipitazioni di carattere nevoso perchè il ghiacciaio della Marmolada e gli altri ghiacciai alpini tornino a crescere.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close