• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Eventi, Primo Piano

Anniversario del Vajont: invitati Papa Francesco, Letta e Napolitano

La diga del Vajont dal bacino a monte pochi mesi fa (Photo Jonathan Astolfi courtesy of  commons.wikimedia.org)
La diga del Vajont dal bacino a monte pochi mesi fa (Photo Jonathan Astolfi courtesy of commons.wikimedia.org)

LONGARONE, Belluno — Si sta avvicinando la data del 50esimo anniversario della tragedia della diga del Vajont e con essa le cerimonie da parte delle Istituzioni. Il sindaco di Longarone e le altre autorità locali hanno provveduto ad invitare Papa Francesco, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e il presidente del Consiglio Enrico Letta che non hanno però ancora confermato la propria presenza.

Roberto Padrin, sindaco di Longarone, si è fatto portavoce delle varie autorità della zona sui media locali per comunicare l’invito sottoposto a varie importanti personalità del Paese a partecipare alle cerimonie che ricorderanno il disastro del Vajont, avvenuto il 9 ottobre 1963. Il presidente del consiglio Enrico Letta dovrebbe essere presente in una delle giornate del raduno nazionale organizzato dalla Protezione Civile dal 13 al 15 di settembre ai piedi della famosa diga. Saranno sicuramente presenti il capo nazionale dalla Protezione Civile Franco Gabrielli e migliaia di volontari che vogliono commemorare questo evento.

É atteso invece per il 50esimo anniversario, il 9 ottobre, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano aspettato da molti poichè durante i suoi mandati non ha ancora mai fatto visita alla diga e alla valle. Il primo cittadino di Longarone ha inoltre comunicato che è stato invitato alla cerimonia anche Papa Francesco. La Santa Sede ha già risposto ringraziando per l’invito e affermando che il pontefice terrà in considerazione una possibile visita alle comunità, ma dovrà verificarne la fattibilità in base agli impegni.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.