News

Frane sulle Alpi, bloccata la strada dello Julierpass

Masso sulla strada dello Julierpass (www.tio.ch)
Masso sulla strada dello Julierpass (www.tio.ch)

MULEGNS, Svizzera — Alcuni smottamenti si sono verificati nelle scorse ore in diverse parti dell’Arco alpino. Questa notte sulla strada del passo Julier, nella Svizzera del Canton Grigioni, un grosso masso si è staccato dal costone della montagna ostruendo la carreggiata. Sulle Dolomiti invece, domenica notte, una frana è scesa sulla statale 12 del Brennero causando il ferimento di un automobilista, mentre un altro distaccamento si è verificato ad Ospitale di Cadore dove ha sfiorato la casa di due anziani coniugi per fortuna rimasti illesi.

In base a quanto riferito dalla stampa elvetica, la strada dello Julierpass è al momento chiusa al traffico, deviato quindi in Engadina sul passo della Flüela e dell’Albula. Il masso che blocca la circolazione sarebbe stato segnalato alla polizia cantonale poco dopo la mezzanotte, nel tratto tra Rona e Mulegns. Il distacco non ha procurato danni alle persone ma impedisce il passaggio sulla carreggiata: notevoli sarebbero infatti le dimensioni, del volume di circa 80 metri cubi, per 6 metri di lunghezza e 3 o 4 di larghezza.

Diversi smottamenti si sono verificati domenica scorsa sulle Alpi Orientali, pare a seguito delle abbondanti precipitazioni del fine settimana. L’episodio più grave è accaduto sulla statale 12 del Brennero ad Ala dove diversi massi sono scesi fra Marco di Rovereto e Serravalle di Ala, bloccando la circolazione. La frana ha coinvolto un automobilista che sarebbe rimasto ferito in modo grave. La strada Gardesana 45 bis è rimasta interrotta lunedì per una frana che ha parzialmente ostruito il tratto di strada compreso tra la centrale idroelettrica e l’imbocco della prima galleria.

Sempre a causa delle piogge ci sono stati altri distaccamenti sulle Dolomiti Bellunesi. Ad Ospitale di Cadore durante la notte tra domenica e lunedì si è verificato uno smottamento che ha sfiorato la casa di due anziani coniugi. Sulla statale 51 bis sono scesi grandi quantitativi di fango e detriti, secondo il Gazzettino del Nordest, un nuovo movimento franoso della “Rui della stazione”, la vecchia frana che da anni incombe sulla strada. Le autorità si sono immediatamente messe all’opera per ripristinare la sicurezza e la circolazione, che di fatti è ripresa a senso unico alternato già nella giornata di ieri.

Un’altra frana si è staccata poi sulla statale 52 Carnica al bivio per Padola, deviando la circolazione sulla viabilità comunale. Secondo il Corriere delle Alpi si sarebbero verificati circa una cinquantina di distaccamenti sulle Dolomiti bellunesi: le zone più colpite sono state quelle del Comelico, Santo Stefano e Pieve di Cadore, Zoldo e Soffranco.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close