• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Curiosità, Primo Piano

Fuga sui monti, la mascotte della Lazio scappa sulle Dolomiti

Olimpia (Photo iltempo.it)
Olimpia (Photo iltempo.it)

AURONZO DI CADORE, Belluno — La mascotte della Lazio lascia il campo da calcio per fare un giro sulle Dolomiti. Olimpia, questo il nome dell’aquilotto simbolo della squadra dei biancocelesti in ritiro estivo ad Auronzo di Cadore, è scappata ieri per un volo imprevisto sui Monti Pallidi. Dopo un’oretta e tanti sospiri di giocatori, tecnici e tifosi preoccupati, il rapace è tornato indietro.

La “fuga” si è verificata ieri intorno alle 19, quando il falconiere dalla Lazio Juan Bernabè ha liberato Olimpia. Secondo quanto riferisce l’Ansa, da un’esercitazione serale il volo si è trasformato in un vero tour sulle Dolomiti, dal momento che il rapace ha volteggiato fin sopra la cima del monte Agudo, la montagna sopra il paese di Auronzo di Cadore, su cui salgono anche le piste del comprensorio sciistico.

Il falconiere avrebbe provato a richiamarla, secondo la stampa locale, utilizzando sia gli ultrasuoni sia addirittura l’inno della Lazio. Ma l’aquila, un esemplare di testa bianca di mare di 7 anni, non ha voluto privarsi della gioia di sorvolare le Dolomiti bellunesi, e solo dopo un’oretta è tornata indietro. Per la felicità dei biancocelesti che l’hanno assunta nel 2010 come mascotte reale e che da allora la vedono volare sopra il loro campo di calcio prima di ogni partita in casa.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.