Curiosità

In vendita la presunta casa di Hitler sulle Ande

La presunta casa di Hitler
La presunta casa di Hitler

VILLA LA ANGOSTURA, Argentina — Estancia Inalco, sulla cordigliera delle Ande, è una immensa fattoria con 452 ettari di terreno e una casa di 560 metri quadri in vendita per 35 milioni di dollari. Una tenuta da favola, che però nasconde un segreto. Leggenda vuole che qui abitò Adolf Hitler, che non sarebbe morto nel suo bunker a Berlino, ma avrebbe raggiunto la Patagonia in sottomarino, trascorrendovi la vecchiaia in compagnia di Eva Braun.

La fattoria, che si trova a sette chilometri da Villa la Angostura nel parco nazionale Nahuel Huap, è stata disegnata dall’architetto Alejandro Bustillo e costruita dall’italiano Pedro Longaretti negli anni Quaranta. Ora viene venduta on line da un paio di agenzie, ma ai visitatori dei siti non sono concesse tante spiegazioni. Per ottenere un appuntamento, bisogna poi dimostrare di avere le carte (e i soldi) in regola per un eventuale acquisto.

Sulla struttura c’è il massimo riserbo, cosa che non fa altro che alimentare le voci su Hitler. Anche perché Estancia Inalco è molto vicina a San Carlos de Bariloche, centro che subito dopo la seconda guerra mondiale ospitò diversi nazisti in fuga, tra cui l’ex capitano delle SS Erich Priebke. Inoltre la compravendita del terreno fu gestita da un avvocato di Buenos Aires, che secondo alcuni testimoni avrebbe aiutato i gerarchi nazisti a fuggire in Argentina.

Trovata pubblicitaria di dubbio gusto o realtà? In Argentina sono molti a credere che Hitler non sia morto durante la caduta di Berlino. Tra loro c’è Abel Basti, autore di ”Bariloche nazi-guida”, che nel suo libro racconta come Hitler sia sepolto col falso nome di Paulo Kak nel cimitero di El Calafate.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close