News

A Torino la montagna diventa un gioco

immagine

TORINO — "Le montagne per gioco" è un’originale e divertentissima mostra di giochi da tavolo sul mondo dell’alta quota. Ed è anche il modo in cui il Museo Nazionale della Montagna, a Torino festeggia oggi (e nei prossimi giorni) la Giornata Internazionale delle Montagne.

Si parte dalla Gran Bretagna, con "The new Game of the Ascent of Mont Blanc" inventato da Alberth Smith, per arrivare alle avventure in quota di Topolino o Heidi. Si passa dal Klondike, dove nelle montagne si cerca l’oro, fino in Nepal, dove si può scalare l’Everest in mille modi senza dover patire fatica e freddo.
 
In alcuni giochi l’impresa è risolvere le difficoltà di salita, in altri scendere pendii innevati. In altri ancora, rivivere le imprese storiche legate alla montagna, come la prima salita dell’Annapurna, le discese di Nancy Greene, la processione rituale al Monte Fuji, i viaggi di Nansen in Artide, il sorvolo dell’Antartide di Byrd a Stanley in Africa.
 
Casella dopo casella, avventura dopo avventura, si arriva al traguardo finale della mostra scoprendo delle vere rarità. Già, perchè pare che la montagna non sia molto diffusa tra i giochi da tavola nonostante abbia tutte le carte giuste per divertire ed impegnare le menti dei concorrenti.
 
La mostra è stata organizzata con la Regione Piemonte e la collaborazione della Città di Torino e del Cai. Curatori dell’iniziativa, il Museo svizzero del gioco e il Museo della Montagna di Torino. ma non sarà l’unico evento organizzato dal Museo "Duca degli Abruzzi" per la Giornata.
 
Nelle sale del Monte dei Cappuccini, infatti, verrà esposta la Fiaccola olimpica di Torino 2006. Un modo simbolico di celebrare l’anno trascorso dalla riapertura del Museo dopo i lavori di riallestimento e ristrutturazione delle sale. 
 
 
Sara Sottocornola
 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close