• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
News

Salvo l'escursionista disperso sulle montagne cuneesi

Le montagne sopra Roccaforte Mondovì (Photo Lurisia.it)
Le montagne sopra Roccaforte Mondovì (Photo Lurisia.it)

Updated – ROCCAFORTE MONDOVI’, Cuneo — E’ stato ritrovato sano e salvo l’uomo di 73 anni disperso da domenica sulle montagne cuneesi. L’escursionista era partito dal territorio di Roccaforte Mondovì, e aveva seguito a distanza parte del percorso della 59esima edizione della “Tre Rifugi”, la gara internazionale di scialpinismo a squadre, ai piedi della catena del Marguareis. Nonostante gli fosse stato sconsigliato, aveva proseguito nella gita fino al tardo pomeriggio, ma col calare del buio e il peggioramento del tempo, aveva perso l’orientamento.

A dare l’allarme domenica sera è stato il figlio del disperso, preoccupatosi non vedendo tornare a casa il padre. Secondo quanto riferisce il sito Targatocn.it – Quotidiano della provincia di Cuneo, intorno alle 21 il figlio ha ritrovato la macchina del genitore, parcheggiata in località Rastello, da dove l’uomo aveva iniziato l’escursione.

L’uomo era sceso al Colle Sestrera e, secondo il giornale CuneoCronaca,  era stato avvistato intorno alle 12,30 al Rifugio Garelli dagli addetti alla sicurezza del percorso di gara e dal gestore Guido Colombo, che gli avevano sconsigliato di proseguire sul percorso a causa dell’imminente peggioramento delle condizioni del tempo.

Il Soccorso alpino di Mondovì, i vigili del fuoco e una squadra che gestisce la sicurezza sulle piste, intorno alle 10 di domenica sera hanno iniziato le ricerche, sospese poi verso le 2 di notte. Le operazioni, complicate anche dalla neve fresca, sono riprese poi ieri mattina alle 7 e, una volta sollevatasi la nebbia, l’uomo è stato ritrovato.

Il 73enne infatti, dopo essersi perso, era riuscito a trovare un bivacco dove passare la notte nei pressi del lago Biecai. Aveva messo gli sci in vista, di modo da poter essere avvistato in caso l’avessero cercato, e di fatti così è stato. Gli uomini del Soccorso alpino l’hanno ritrovato in buone condizioni, sebbene provato dalla notte al freddo.

 

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.