Alpinismo

Swarner: 7 summits contro il cancro

immagine

DENVER, Usa — Si chiama Sean Swarner, ha 31 anni ed è il primo alpinista guarito dal cancro ad aver toccato la cima dell’Everest. Del suo successo personale ha fatto una testimonianza di vita. Scalando le 7 montagne più alte di tutti i continenti e portando con sè la bandiera della lotta alla malattia.

Swarner è alla fine del suo viaggio sulle Seven Summits. La sua impresa si concluderà la prossima primavera sul McKinley (6.194 metri, Alaska). Come già ha fatto sulle altre sei vette, vuole portare anche sula vetta più alta d’Alaska, una bandiera con i nomi di persone colpite dal cancro, per le quali vuole rappresentare un messaggio di forza e di speranza.
 
Per due volte il cancro ha minacciato la sua vita, in giovanissima età. I medici gli avevano dato poche settimane di vita entrambe le volte. Ma Swarner non ha mai smesso di lottare e, contro ogni previsione medica, ha vinto tutte le sue battaglie. Non solo. Ha inseguito il suo sogno, la sua passione per l’alpinismo. E nel 2002, grazie ad anni di allenamento, facendo conto solo su un uso parziale dei polmoni, è arrivato sugli 8.848 metri del tetto del mondo.
 
Non ha più smesso di scalare. Nel 2003 ha toccato le vette di Elbrus e Kilimanjaro; nel 2005 ha scalato l’Aconcagua e nel febbraio del 2006 il monte Kosciusko, in Australia. Ora è in partenza per il Mount Vinson, Antartide, e il prossimo 16 maggio 2007 – a cinque anni esatti dalla sua scalata all’Everest – Swarner vuole essere in vetta al McKinley per chiudere il suo progetto delle Seven Summits.
 
Poi, si dedicherà ai trekking estremi in Antartide e al Polo Nord. Ma il suo obiettivo sarà sempre lo stesso: ridare speranza e volontà di vivere a tutti gli ammalati, convincendoli che il corpo umano, se vuole, può realizzare tutto ciò che la mente sogna.
 
Per questo ha fondato la "CancerClimber Association", un’organizzazione senza fini di lucro che opera da anni per regalare "sogni", dare la possibilità concreta a tutti gli ammalati di conquistare il proprio "Everest". Qualunque esso sia: studiare all’università, imparare ad arrampicare, viaggiare intorno al mondo o altro ancora. 
 
 
Sara Sottocornola
 
 
Per sapere di più sull’iniziativa, visitare i siti internet: www.cancerclimber.org e www.seanswarner.com.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close