News

Wwf: un occhio al leopardo delle nevi

immagine

ISLAMABAD, Pakistan — Monitorare il lepoardo delle nevi attraverso un radiocollare. E’ questo l’obiettivo del nuovo progetto di tutela della specie in via d’estinzione lanciato dal Wwf in Pakistan.

Il 31 ottobre è stato attuato un programma che prevede il posizionamento di 5 trasmettitori GPS al collo di 5 felini nei prossimi mesi. Il primo collare è già stato posto il 17 novembre ad un esemplare di leopardo femmina: il suo nome è Bayad-e-Kohsaar, che in Urdu significa "in memoria delle montagne", in onore dei molti studiosi e conservazionisti morti poco tempo fa in un tragico incidente in elicottero nel Nepal.
 
Lo splendido animale è stato catturato dagli esperti del Parco Nazionale Chitral Gol, sulla catena di montagne Purdum Mali. Il localizzatore fornirà ai ricercatori numerosi dati sui suoi spostamenti e i suoi habitat. Il tutto grazie ad un sistema satellitare a copertura globale (GPS) che trasmetterà tutte le informazioni al satellite Argos, che a sua volta le invierà agli esperti via e-mail.
 
Il primo tentativo si è concluso con grande successo in quanto si è riusciti a conoscere tutti i movimenti della specie durante la notte e la mattina seguente.
 
Il Wwf ha evidenziato l’importanza dell’operazione in atto, precisando che putroppo il leopardo delle nevi continua a subire forti pressioni, e che ciò lo sta portando all’estinzione in molte catene montuose del continente asiatico.
 
Anche in Nepal, nel parco nazionale dell’Everest, il Comitato scientifico Ev-K²-CNR sta portando avanti un progetto di tutela del leopardo, affidato alle mani esperte dello zoologo Sandro Lovari dell’università di Siena.
 
Valentina Corti

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close