Green

Himalaya: filmate tigri a 4.100 metri

tigriLONDRA — Nessuno pensava che a 4000 metri vivessero delle tigri. Ma alcuni avvistamenti nei villaggi himalayani del Bhutan hanno insospettito il ricercatore Alan Rabinowitz, che con una troupe della Bbc si è recato lassù per cercare prove della loro esistenza. E le ha trovate: ecco le immagini della più alta popolazione di tigri mai conosciuta al mondo, che vive nella stessa zona dei leopardi delle nevi.

La notizia delle “tigri perdute” in alta quota è stata diffusa dalla celebre testata inglese nei giorni scorsi, con il documentario “Lost land of the tigers”. Le immagini sono del noto cameraman Gordon Buchanan, che da dieci anni si occupa di filmare grandi felini in giro per il mondo ed è stato scelto da Rabinowitz per questo progetto speciale condotto in collaborazione  Bhutan Ministry of Agriculture and Forests.

Buchanan ha disseminato sulle montagne, tra i 3000 e i 4.100 metri di quota, una serie di “trappole video” che iniziavano a filmare autonomamente ad ogni movimento nei dintorni. Le ha lasciate attive per tre mesi e quando è ritornato per controllare, ha trovato immagini di moltissimi animali: volpi rosse, gatti selvatici, scimmie, leopardi, orsi neri, ungulati e panda rossi.

Fra loro, anche le incredibili immagini di due tigri: un maschio e una femmina, che si aggiravano di notte in cerca di prede. Il maschio è stato visto a 4.100 metri mentre marcava il territorio. La femmina alla stessa quota, e sembrava in fase di allattamento.

“E’ una scoperta straordinaria – hanno detto i ricercatori -. Il fatto che possano vivere libere così in alta quota, non in cattività, è importantissimo per il loro futuro”.

Secondo quanto riferito dalla Bbc, si tratterebbe dell’unico luogo al mondo in cui grossi felini come tigri, leopardi e leopardi delle nevi riescano a convivere nella stessa valle.

Ora, l’idea è quella di creare una riserva naturale nalla zona, per aiutare la conservazione della specie, che vive in gruppi frammentati dell’Asia ed è seriamente minacciata di estinzione: si calcola che la popolazione di tigri sia diminuita del 90 per cento dal secolo scorso. La scoperta che le tigri possono vivere e riprodursi anche a quote così alte, amplia di molto il territorio da considerarsi “abitabile” per questa specie.

Rabinowitz si occuperà del progetto con la sua associazione Panthera, dedicata alla salvaguardia dei felini. Vorrebbe creare, con i governi locali un corridoio protetto per le tigri lungo le pendici dell’Himalaya, dall’India alla Malaysia.

Guarda il documentario Lost land of the tigers (BBC One): http://www.bbc.co.uk/programmes/b00ty69k

Tags

Articoli correlati

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close