Ambiente

Salviamo il cerbiatto albino

 

BERLINO — Una storia simile era già accaduta all’orso Bruno, l’animale che lo scorso giugno fu ucciso in Germania perchè ritenuto pericoloso. Stavolta nel mirino c’è un cerbiatto albino (ovvero dalla pelle chiara) che rischia di essere ammazzato nei boschi della Sassonia perchè minaccia la purezza della razza. In tanti si stanno mobilitando per salvare il piccolo "Bambi".

L’accoppiamento di un albino con un animale normale e sano rischia di mettere in pericolo la razza intera. E’ quanto sostiene il responsabile dell’Istituto di ricerche veterinarie di Berlino, Thomas Hildebrandt.
 
Per difendere il cerbiatto bianco si è subito fatta sentire Stefanie Hertel, la famosa cantante tedesca di musica popolare. "Io canterò per fare in modo che il cerbiatto non muoia", ha detto la Hertel. Il 7 dicembre, presso il Teatro di Meissen, la cantante e il marito trombettista Stefan Mross, daranno un concerto di beneficenza.
 
Il ricavato dell’iniziativa andrà al parco zoologico di Meissen, che ha manifestato l’intenzione di voler accogliere il cerbiatto. "Questo animale magnifico non dovrà essere abbattuto in nessun caso", ha poi affermato la cantante.
 
Ma sono numerose le persone che vorrebbero vedere il povero "Bambi" morto. "Il cerbiatto albino soffre di una mutazione genetica e quello che non appartiene alla natura va eliminato", ha affermato il presidente della Federazione dei cacciatori della Sassonia, Guenter Giese.
 
Il gestore di un ristorante di Dresda, Carl Hanter, ha invece affermato che farebbe volentieri arrosto l’animale, in quanto è raro poter offrire ai clienti la carne di un cerbiatto albino.
 
Fortunatamente, il Ministero dell’ambiente regionale ha affermato che non vede nessuna necessità di abbattere l’animale. Secondo l’opinione di alcuni il cerbiatto potrebbe essere trasferito in un parco nel nordest della Germania, al riparo dai fucili dei cacciatori.
 
Speriamo solo che non faccia la fine dell’orso Bruno…
 
Greta Consoli
E voi cosa ne pensate? Scrivete a montagna.tv

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close