• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Esteri, Top News

Alpi, anziana sopravvive una settimana in un dirupo

Le montagne intorno ad Armoy
Le montagne intorno ad Armoy

ARMOY, Francia — E’ rimasta una settimana in fondo a un dirupo aspettando che qualcuno la trovasse, nei boschi dell’Alta Savoia, sulle Alpi Francesi. E’ sopravvissuta l’anziana di 78 anni dispersa per sette giorni e sei notti in montagna sopra il paese di Armoy. La donna è riuscita a resistere mangiando i due biscotti che aveva in tasca, bevendo l’acqua piovana e dormendo molto.

“Mi sono persa, sono precipitata giù in un burrone e mi sono addormentata. Dormivo, dormivo, dormivo”. Queste le parole dell’anziana di 78 anni che è stata recuperata dal Soccorso alpino francese lo scorso fine settimana. Secondo quanto riferisce l’agenzia Afp, la donna sarebbe malata di Alzheimer e si sarebbe persa a soli 700 metri di distanza da casa sua, mentre faceva una passeggiata in montagna domenica 29 agosto.

Oltre alla perdita dell’orientamento, la sfortunata signora è pure caduta in un dirupo, cosa che ha reso più difficile le operazioni di ricerca. E’ riuscita a sopravvivere mangiando due biscotti che aveva in tasca, bevendo acqua piovana e indossando solo una giacca leggera. Ma soprattutto dormendo moltissimo.

“Non avevo paura – ha dichiarato alla stampa – Pensavo più alla preoccupazione che stavo creando ai miei figli e ai miei nipoti”. L’elicottero del Soccorso alpino l’ha cercata per due giorni invano, poi sabato scorso l’hanno avvistata dall’alto, mentre giaceva su un cumolo di foglie a soli 700 metri da casa sua, dal  paese di Armoy. Quando l’hanno recuperata presentava sintomi di disidratazione e diverse ecchimosi.

L’hanno ricoverata all’ospedale del paese alpino di Thonon-les-Bains. Mentre i soccorritori sostenevano che averla ritrovata viva fosse un vero miracolo, a chi le chiedeva come aveva fatto a resistere al freddo, la simpatica anziana rispondeva: “Siamo gente di montagna sa, noi abbiamo nervi saldi e corpi robusti!”.

Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.