Green

Le inspiegabili morti dei giovani stambecchi del Gran Paradiso

cucciolo di stambecco (Photo dipity.com)
Cucciolo di stambecco (Photo dipity.com)

COGNE, Aosta — Nel Parco Nazionale del Gran Paradiso i giovani stambecchi non sopravvivono all’inverno. Secondo l’ultimo censimento effettuato a luglio, i tre quarti dei cuccioli di ungulati, infatti, muoiono per cause misteriose entro il primo anno di vita: alcuni nei mesi estivi successivi ai parti, altri durante il primo inverno.

Le ragioni di questa moria sono ancora misteriose e gli scienziati indagano per individuarne la causa. Tre al momento le ipotesi maggiormente accreditate. Secondo i ricercatori e gli esperti del Parco nazionale del Gran Paradiso, potrebbe trattarsi della conseguenza di un agente patogeno, anche se tale elemento avrebbe attaccato solo gli stambecchi e non per esempio i camosci.

Potrebbe in seconda ipotesi trattarsi di una conseguenza della scarsità della neve che favorisce la sopravvivenza delle femmine e la loro fecondazione anche in età avanzata. I cuccioli delle “mamme anziane” potrebbero nascere più deboli e di peso inferiore, condizioni che renderebbero loro più difficile la sopravvivenza.

In ultimo, e sempre in definitiva a causa dei cambiamenti climatici, è possibile che le primavere precoci facciano crescere erba prematura e poco ricca di fibre, con scarse proprietà necessarie al nutrimento dei cuccioli di ungulati.

Info courtesy of cipra.org e http://archiviostorico.corriere.it/2010/agosto/02/Gli_stambecchi_Paradiso_perduto_Nel_co_8_100802028.shtml

Tags

Articoli correlati

Un commento

  1. Piu’ che un commento, una domanda: fenomeni simili si verificano anche in altre zone residenziali di stambecchi? Le ipotesi 2 e 3 sono infatti attuali anche al di fuori del Parco Gran Paradiso, mentre la prima potrebbe essere specifica dell’ambiente locale.
    Cerchero’ da parte mia di indagare le zone a me piu’ vicine, vale a dire Engadina Alta, dove c’e’ una stanzialita’ di stambecchi simile alla situazione nel Parco del Gran Paradiso.
    Cordialmente,
    Alberto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close