News

Parlano italiano le comunicazioni nel Parco dell’Everest

immagine

KATHMANDU, Nepal — Attivata in queste ore grazie al lavoro degli uomini del Comitato Ev-K²-Cnr, è operativa la rete di comunicazioni radio del Parco Nazionale del Sagarmatha, il parco dell’Everest, in Nepal.

La rete, creata dagli stessi italiani del Comitato Ev-K²-Cnr, è stata completata e affidata alle autorità nepalesi. Copre via radio gli oltre 1100 chilometri quadrati di questa straordinaria area ecologica che comprende  le sorgenti dei fiumi Dudhkoshi e Bhotekoshi, il mitico Everest, altre due vette sopra gli 8.000 metri (il Lhotse e il Cho Oyu) e altre quattro sopra i 6.000 (il Thamserku, il Nuptse, l’Amadablam e il Pumori).
 
Per mantenere attivo il collegamento, il Comitato Ev-K²-Cnr ha fornito alle autorità nepalesi tre stazioni e un ponte radio ad alta potenza, nonché 6 walkie talkie a lungo raggio, a disposizione dei rangers del Parco.
 
La rete è composta da una stazione fissa installata qualche anno fa a Namche Bazar, presso la sede istituzionale del Parco e un’altra a Periche. Più di recente, il Comitato Ev-K²-Cnr ha aggiunto un’altra struttura fissa dotata di antenne di ripetizione a Lukla, all’ingresso del celebre parco.
 
L’intera rete di comunicazioni serve a mantenere in contatto la sede centrale del Parco con i rangers che percorrono ogni giorno decine di chilometri a piedi. E tenere sotto controllo un territorio sterminato quanto unico nel suo genere. Alle basse altitudini, il Parco del Sagarmatha  presenta enormi foreste di pino, abete bianco e rododendro. Mentre ad altitudini superiori, le nevi perenni prendono il posto della vegetazione, lasciando spazio solo a muschi e piante alpine.
Il parco, inoltre, ospita variegate specie animali, fra cui una ricca popolazione di cervi e tahr himalayani. E alcune straordinarie creature a rischio estinzione, come il panda rosso e il leopardo delle nevi.
Per queste eccezionali caratteristiche naturali, l’Unesco ha inserito il Parco nazionale del Sagarmatha nella lista dei “patrimoni dell’umanità”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close