• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpi e pareti, Alpinismo, Primo Piano

Capolavoro tedesco sul Sarmiento

la cima del Sarmiento
Verso la vetta del Sarmiento (Photo R. Gantzhorn/Alpinist.com)

LA PAZ, Cile — Si chiama “Odissea di Magellano” la nuova, vertiginosa via aperta dai Jorn Heller, Ralf Gantzhorn e Robert Jasper sulla cima ovest del Sarmiento, montagna di 2.245 metri nella Terra del Fuoco cilena. I tre alpinisti hanno aperto la linea sulla parete nord in 39 ore e in puro stile alpino.

Il Sarmiento, che si trova nel cuore dell’Alberto de Agostini National Park, è una meta per pochi eletti data la sua remota location nel cuore del Cile e la posizione geografica che lo espone a violente tempeste. La sua prima salita, compiuta dopo anni di tentativi, porta una firma italiana: quella di Clemente Gueret e Carlo Mauri nel 1955.

Loro, però, salirono raggiunsero la più cima più bassa, quella orientale. Solo la Vigilia di Natale del 1986 qualcuno raggiunse l’inviolata cima ovest, la più alta, salendo per la prima volta la parete nord. Si tratta, ancora una volta, di italiani, i Ragni di Lecco: Tore Panzeri con Lorenzo Mazzoleni, Bruno Pennati, Pinuccio Castelnuovo e Gianmaria Confalonieri supportati al campo base da Gigi Alippi, Clemente Maffei, Franco Baravalle e dal capitano dell’esercito cileno Antonio Aguilar. “Il fungo finale mi impegnò per ben tre ore portandomi al limite,come soluzione finale scavai un tunnel per uscirne in vetta” ricorda Panzeri.

La storia parla di decine di spedizioni fallite, alpinisti letteralmente spazzati via dalla parete per la bufera, e di altri che hanno abbandonato il campo perchè non smetteva mai di piovere.

“Le condizioni sono effettivamente estreme – ha detto Jasper ad Alpinist.com – con improvvise tempeste, freddo intenso e pioggia incessante. Siamo riusciti ad aprire la via dopo quattro tentativi, e superando un labirinto di funghi di ghiaccio di 120 metri sotto la cima”.

Il trio di alpinisti è arrivato ai piedi della montagna con un lungo viaggio: prima 300 miglia in mare, poi un percorso in autobus nella foresta pluviale. La via nuova porta la data del 2 aprile.

Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.