News

Valle d’Aosta, parte il monitoraggio della radiazione solare

23 dicembre 2005 – Misurare la radiazioni ultraviole sulle montagne della Val d’Aosta. E’ questo l’obiettivo del nuovo progetto dell’Arpa( l’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente). Ogni giorno, a patto che ci sia cielo sereno e senza nuvole, l’Agenzia eseguirà una previsione dell’indice ultravioletto massimo presente nella regione. Un vero e proprio piano di monitoraggio.

Ma perchè misurare la radiazione ultravioletta? Semplicemente perchè da un recente studio effettuato dall’Iarc (Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro) risulta  che radiazione solare è cancerogena per l’uomo. Partendo da questi dati, i promotori del progetto mirano a sensibilizzare l’opinione pubblica. Soprattutto perchè sul territorio valdostano sono molte le persone che, per lavoro o per piacere, svolgono attività in alta quota o immersi nella neve. Elementi che accrescono notevolmente il livello di esposizione alle radiazioni.

A dire il vero, gli effetti dei raggi ultravioletti possono anche essere benefici. Per esempio, sono di fondamentale importanza per la produzione della vitamina D3 e per il cosiddetto "benessere psicologico".

Ma ben più grave è l’impatto negativo di un’estrema esposizione. Eritemi, fotodermatosi, invecchiamento della pelle, fotocheratocongiuntiviti, indebolimento del sistema immunitario. I raggi  ultravioletti possono persino danneggiare le cellule cutanee, causando mutazioni del Dna non riparabili, tanto da degenerare in tumori della pelle.

Elisa Lonini

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close