News

Svizzera, giovane precipita con l’auto in un dirupo

immagine

AVEGNO, Svizzera — Non si sa come. Forse per una distrazione, forse per l’alta velocità. Le circostanze sono ancora da chiarire per l’incidente d’auto avvenuto lunedì sera, poco dopo le 23, ad Avegno. Un ragazzo di 18 anni ha perso il controllo della vettura ed è precipitato in un dirupo, dopo un volo di 20 metri. E’ ora ricoverato in ospedale.

La sua vita non è in pericolo. Ma il giovane Locarnese se l’è vista proprio brutta. Si stava dirigendo con la sua auto in direzione Locarno e, giunto nelle vicinanze del campeggio ‘Piccolo Paradiso’, ha perso il controllo del mezzo, andando a finire nella corsia opposta. L’auto è uscita di strada sul lato sinistro, verso la montagna, e ha preso il volo nel dirupo. Dopo venti metri si è
fermata.
 
Nove uomini e quattro automezzi dei pompieri sono stati necessari per le operazioni di salvataggio. I soccorritori hanno estratto il giovane dall’auto e l’hanno subito trasportato in ospedale. Ha riportato gravi ferite ma fortunatamente è salvo e fuori pericolo.
 
L’accaduto ha fatto sorgere polemiche. Tornano alla mente altri incidenti d’auto, avvenuti nello stesso tratto di strada. Troppi morti, troppi rischi. Il sindaco di Avegno, Ivo Lanzi, mostra il suo intento di voler risolvere la situazione. "Per i tecnici di Bellinzona la strada è in buone condizioni e le cause degli incidenti sarebbero dovute solo alla guida in stato di ebrezza e all’alta velocità – sostiene il sindaco. Ma, invece, è necessario fare qualcosa per dare maggiore sicurezza".
 
Recentemente il Cantone svizzero ha inoltrato la richiesta di licenza edilizia per l’installazione di un radar fisso. "Speriamo che la postazione entri presto in funzione", afferma Lanzi. Anche se questo sarebbe solo il primo passo di un lungo lavoro da svolgere per trovare soluzioni e dare così uno sviluppo alla prevenzione degli incidenti. 
 
Greta Consoli  

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close