News

Karakorum Trust: firmato l’accordo con l’Università di Gilgit

4 ottobre 2005 – "Sono certo che Ardito Desio sarebbe orgoglioso di quest’accordo". E’ entusiasta Agostino da Polenza al telefono da Islamabad (Pakistan). La delegazione italiana di Karakorum Trust ha appena firmato un importante accordo quadro con l’Università  di Gilgit. D’ora in poi, grazie all’intesa, da questo ateneo uscirà la nuova classe dirigente,  scientifica e non, del nord del Paese.  

 

gilgitE’ un passo importante per il futuro del Baltistan, una delle aree più disagiate del Pakistan. Attraverso quest’accordo internazionale (il primo del suo genere nell’area) e al supporto del Comitato Ev-K2-Cnr (già noto per il laboratorio Piramide dell’Everest), l’Università di Gilgit formerà le nuove leve in campo scientifico, i nuovi manager nell’ambito del turismo, della cultura e della protezione ambientale. 

 

Nata nel 2002, la Karakorum international University of Gilgit è la realtà scolastica più importante del Nord del Pakistan. Oggi conta su 1000 studenti e 60 professori. L’approccio è multi-disciplinare. Comprende le facoltà universitarie di economia, lingue, turismo, matematica, scienze dell’educazione, scienze dell’alimentazione, biologia e scienze della terra.

 

Proprio nel distretto di Gilgit, Ardito Desio compì alcuni dei suoi più importanti studi geologici in Karakorum. Oggi uno dei suoi più illustri allievi, Agostino Da Polenza, aggiunge un tassello al lavoro del maestro. La collaborazione fra l’Università di Gilgit e gli italiani riguarderà l’ambito turistico, ma soprattutto quello scientifico nei settori delle scienze dell’alimentazione e delle scienze della terra. Inoltre sono stati attivati contatti per avviare corsi di formazione per guide locali ed esperti nell’organizzazione di spedizioni che lavorino in sinergia con le agenzie locali.

 

All’iniziativa italiana, che rientra negli obiettivi di Karakorum Trust, sono molto interessati sia il Consiglio Nazionale delle Ricerche, sia la Regione Lombardia. Il sottosegretario alla presidenza della Regione, Adriano De Maio – esperto di Formigoni per quanto riguarda la formazione, la ricerca scientifica e lo sviluppo tecnologico – ha detto che il Pirellone è favorevole ad allacciare e sviluppare collaborazioni e  cooperazioni con l’Università pakistana.

 

La prospettiva è quella di fare dell’Università di Gilgit un vero e proprio centro di eccellenza, con corsi di studio fortemente legati al territorio e opportunità che possano catalizzare le risorse locali.

 

Il prossimo passo lungo questa direzione sarà una conferenza su Karakorum Trust, in programma per il prossimo novembre presso il ministero degli Affari esteri a Roma.

 

nella foto, il ponte di Gilgit che da oggi ha un "sostegno" italiano in più.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close