News

Valtellina, vigneti da Nobel

25 agosto 2005 – Che i vigneti della valtellina producano alcuni dei migliori vini d’Italia non c’è dubbio alcuno. Il Sassella, l’Inferno, lo Sfurzat fanno brillare gli occhi di tutti: gli intenditori ma non solo. A quanto pare, anche i premi Nobel hanno una grande passione per i nettari di Bacco di Sondrio e dintorni.

"E’ davvero bello", come afferma Carducci, "bere questo vino al bel sole de l’Alpi e mescerlo cantando. Ma sarebbe ancora più lieta cosa se i creatori di queste delizie onoranti il nostro Paese trovassero poi il giusto, dovuto compenso alle loro fatiche, ai loro sacrifici, a premio alla loro tenace fede".

E pare anche che un altro premio Nobel, Camillo Golgi, non disdegnasse le passeggiate fra terrazzamenti e vitigni.

Il giovane Camillo Golgi amava soprattutto la strada che sale verso l’Aprica. Questa strada, ampia e soleggiata, formava la meta preferita delle sue passeggiate solitarie e, ancora verso la fine del secolo XIX e nel primo decennio del XX, nelle visite al paesello natio, Golgi desiderava ripetere l’ascesa alla località valtellinese".

Fonte: Antonio Stefanini, Operatore della Comunicazione senza confini tra Valcamonica e Valtellina

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close