News

Missione in Tibet: un’intervista sul Centro di Alpinismo di Lhasa

13-06-2005 – "Incontriamo Tsheyang nella sua casa in quella parte moderna della citta’ di Lhasa dove trovare una via e un numero civico diventa praticamente impossibile per chi come noi non sa leggere una parola della lingua cinese. Le strade disposte a quadre appaiono infatti tutte uguali per un occhio non allenato e difficilmente qualcuno sa rispondere a una domanda posta in inglese. Al di la’ del portone d’ingresso un piccolo giardino pieno di fiori ci introduce all’interno della casa arredata in stile tibetano. Li’ ci attendono Tsheyang Yangdzom, docente all’universita’, e Pasang Wandu, storico dell’Accademia di Lhasa, entrambi nostri amci da tempo. Tsheyang e’ anche la direttrice della scuola rivolta al Mountaineering Team, fortissimo gruppo di alpinisti, uomini e donne, che segue i corsi supportata dal progetto di cooperazione di Eco-Himal ed Ev-K²-CNR.
Filmiamo e registriamo una breve intervista che vi proponiamo nelle righe seguenti:

Dottoressa Tsheyang, in cosa consiste questa scuola ?
Si tratta di una serie di lezioni che insegnano cultura generale riguardante non solo il nostro paese ma tutto il mondo , storia, geografia, e importantissimo la lingua inglese, indispensabile per chi entra in contatto con gli stranieri.

Chi sono i fruitori di questa scuola e perche’ essa rappresenta una cosa cosi’ importante?Gli studenti sono alpinisti che costituiscono il Mountaineering Team, la squadra vincente dell’alpinismo di questa nazione. Ma quasi tutti loro provengono da areee remote dove l’educazione e’ spesso ancora assente. Tenendo conto che molti di loro hanno superato i 40 anni di eta’ potete capire come e’ importante cercare di colmare la differenza di preparazione che esiste tra loro e lre nuove generazioni. Questa scuola combinata con la preparazione alpinistica decisamente notevole, potrebbe in futuro dare a questi alpinisti uno status professionale all’interno delle spedizioni sulle vette piu’ alte della terra.

Tsheyang, sappiamo che quattro degli alpinisti che frequentano la scuola hanno salito lo scorso anno l’Everest all’interno della spedizione italiana Everest-K2 2004.
Si, e’ cosi, tre uomini e una donna hanno raggiunto la vetta e questa e’ stata la prima volta che degli alpinisti Tibetani hanno partecipato come tali a una spedizione occidentale. Un successo direi!

Abbiamo avuto notizie di un grave incidente occorso ad un fortissimo membro del Mountaineering Team. Cosa e’ successo?Purtroppo una frana ha investito sulla starda per Skardu una delle jeep su cui viaggiavano i nostri amici. Il team era diretto al Gasherbrum I. Nell’incidente ha perso la vita Rina a cui mancava solo quella vetta per completare la salita a tutti gli 8000. Un vero dramma soprattutto per la sua famiglia.
Quanti sono attualmente gli studenti che frequentano la scuola?Sono 30 tra uomini e donne. In questo momento i corsi sono sospesi perche’ da marzo a ottobre e’ la stagione dell’attivita’ sul terreno, tra le montagne.

In questo momento a Lhasa sono circa le 8 della sera (sei ore in piu’ rispetto all’Italia) e la luce sta iniziando ad affievolirsi. Ma i tetti del Jokang, il tempio cuore della citta e di tutto il Tibet, continuano a risplendere come se non volessero andare a dormire.

Patrizia, Tona, Giampietro
 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close