Meridiani Montagne

La tradizione e la rinascita delle valli del Monviso nel nuovo numero di Meridiani Montagne

In edicola è uscito il nuovo numero di Meridiani Montagne dedicato al Monviso, storica e simbolica montagna che ha visto la nascita del Cai nel 1863 e alla tradizione e alla rinascita della Valle Varaita e della Valle Po.

Si racconterà l’alta quota ripercorrendo la storica salita al Quintino Sella, ma non solo: la monografia di Meridiani Montagne diventa infatti l’occasione per conoscere la nuova linfa vitale che caratterizza le valli del Monviso grazie alle nuove generazioni; lo fa attraverso il racconto di alcune stori imprenditoriali accomuniate da un unico fil rouge: risorse locali, rispetto della tradizione, capacità di innovazione.

Immancabile la natura protagonista nel racconto del bosco dell’Alevé e della foresta di pino cembro più estesa delle Alpi.

Parola al direttore

A presentarci il numero 118 di Meridiani Montagne “Monviso. Valle Varaita e Valle Po” il direttore Paolo Paci:

Abbiamo scalato il Monviso… perché è una bellissima montagna, e questo potrebbe bastare. Spesso scegliamo le cime perché la loro forma ci fa sognare: un campanile slanciato, una cattedrale di creste e canaloni, una piramide perfetta, com’è appunto il Monviso quando lo osservi dalla Pianura Padana, totem isolato e maestoso che buca solitario il tramonto.

Ma l’abbiamo scalato soprattutto perché il Re di Pietra è un simbolo, una montagna dell’anima. Cima sacra, se mai ce ne fosse una sulle Alpi, come scrive Enrico Camanni. Culla dell’alpinismo italiano, o almeno della sua forma organizzata nel Club alpino: data di nascita 1863, pochi mesi dopo la salita (terza assoluta) di Quintino Sella e soci. Proprio il diario di ascensione di Sella, e in parallelo la relazione del primo salitore, l’inglese William Mathews, sono stati le nostre guide sui passi dei pionieri. Cavalcare la parete sud è un appassionante viaggio nella Storia.

La via, che molti percorrono ogni anno come un pellegrinaggio, è alla portata di qualsiasi medio alpinista, ma da non sottovalutare: lunghissima, poco solida, in caso di maltempo può trasformarsi in una trappola. L’elicottero entra in azione decine di volte a stagione, ci ha detto Gianluca Bocca, guida e capostazione del Soccorso alpino di Crissolo, che ci ha accompagnato in vetta. La completa scomparsa dei ghiacciai (ciò che ne resta è nascosto sotto un manto di pietre) può ingannare: siamo sempre in alta quota, 3841 metri, e da sud anche in giornate serene sale il mare delle nebbie, che rende tutto più magico ma causa più di un problema di orientamento.

Dunque, la nostra ascensione è anche un omaggio al lavoro delle guide alpine. Quelle che ci hanno aiutato nella realizzazione di questo numero, e quelle storiche, della Valle Po e della Valle Varaita, come la dinastia dei Perotti. Dalla vetta del Monviso, poi, siamo scesi nelle valli, dove abbiamo trovato mille altre storie da raccontare…

Tags

Articoli correlati

Un commento

  1. Che casino di gente di tutti i tipi immaginabili si incontra salendo.
    E che baccano dal bivacco fisso alla vetta.
    Una girata lunghissima se si percorre l’itinerario dei primi salitori.
    Ma Il Monviso è lì e se si ha tempo almeno in vecchiaia bisogna salirlo e guardare giù 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close