AlpinismoAlta quota

Ratti, Bau e Gheza aprono una nuova via sull’Uli Biaho Spire

Il sogno si è avverato!!!”. Francesco Ratti, Alessandro Bau e Leonardo Gheza sono riusciti ad aprire una nuova via sulla parete est dell’Uli Biaho Spire (5.620 mt).

La linea si chiama Refrigeretor Off-width, “un nome, un dato di fatto” scherza Gheza. “Il nome ci ricorda la fresca brezza che usciva dal grosso e largo diedro in mezzo alla parete” spiega invece Ratti. La linea è di 510 metri con difficoltà fino a 7A/ A2/ M5 per 15 tiri affrontati con bivacco.

Quando abbiamo deciso di andare alle Torri di Trango, abbiamo iniziato a pensare ai possibili obiettivi. Parlando con Andrej Grmovsek – scrive Bau -, ho scoperto che l’evidente diedro al centro della parete dell’Uli Biaho Spire era ancora inviolato, incredibile nel 2022! Così abbiamo iniziato a sognare, sapendo che non sarebbe stato facile, ma il nostro obiettivo era ben definito. Durante l’acclimatamento sulla Great Tower e i giorni successivi su Eternal Flames i nostri occhi erano rivolti all’Uli Biaho

La vetta è stata toccata dai tre alpinisti il 23 luglio dopo “due tentativi, tanti metri di off-width (si chiamano così le fessure troppo larghe per inserire un pungo, ma non abbastanza per essere definite camini), freddo intenso, un bivacco nella portaledge e diversi tratti di misto” racconta Alessandro, che ricorda: “Scaldati dai raggi del sole, guardavamo le magnifiche montagne che ci circondavano soddisfatti del nostro impegno e consapevoli che non eravamo ancora al campo base”. Ora i tre sono già “tornati alla civiltà, dopo una disintossicazione totale da internet, da birra e da qualsiasi altro comfort per 32 giorni” scrive Gheza. 

La prima volta che ho sentito parlare delle Torri di Trango è stato circa dodici anni fa. Ai tempi mi sembravano posti irraggiungibili, invece ora eccomi qui al rientro da una delle spedizioni più belle ed intense: Great Trango Tower, Nameless Tower su Eternal Flame e una nuova via sull’Uli Biaho Spire” scrive invece Gheza.

Tutti e tre promettono grandi racconti di questa bella avventura. Non vediamo l’ora di leggerli.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close