News

“Porta su l’acqua, porta giù i rifiuti”. Un invito a un escursionismo consapevole

In una estate rovente e avara di precipitazioni, le montagne necessitano di aiuto. Bastano piccoli gesti, un po’ di impegno da parte dei singoli escursionisti per fare la differenza. Sulla base di tale assunto si fonda la campagna “Porta SU l’acqua nella borraccia e Porta GIÙ tutti i tuoi rifiuti” lanciata dalle Aree Protette delle Alpi Marittime per un utilizzo consapevole della risorsa acqua e per un impegno personale nello smaltimento dei rifiuti.

Un aiuto dagli escursionisti consapevoli

“Nelle Alpi, e in particolare nel settore più prossimo al mare, la carenza d’acqua, dovuta anche alla forte diminuzione delle precipitazioni nevose nel corso dell’inverno, si sta facendo sentire pesantemente. Laghi con livelli così bassi da non essere mai stati registrati in precedenza, sorgenti in forte sofferenza, borgate con fontane a secco, pascoli già inariditi a metà luglio – si riporta nel comunicato di presentazione dell’iniziativa -. Si legge spesso, nelle inchieste che compaiono sui media, che a soffrire maggiormente di questa situazione sono le strutture in quota, in particolare i rifugi, che rischiano di dover chiudere con grande anticipo rispetto al solito, e le mandrie d’alpeggio, che a loro volta dovranno con ogni probabilità scendere a valle prima delle date tradizionali.”

“Tutto vero – prosegue -. Ma si tende a ignorare che questa situazione ha impatti devastanti su numerosi ambienti naturali, sulla sopravvivenza di molte specie animali e vegetali. Il mondo sta cambiando e tutti dovranno adattarsi alle nuove situazioni. In questo quadro, vanno dunque ripensati anche i comportamenti del singolo. È necessario un cambio di mentalità che deve trovare riscontro anche nei gesti e nelle consuetudini quotidiane di ciascuno di noi.”

Ecco dunque che le Aree Protette invitano a realizzare “piccoli sforzi che rappresentano un grande aiuto per una realtà come il Parco, impegnato quotidianamente nella gestione del patrimonio locale, e anche per i gestori delle strutture turistiche, alle prese con la sfida di adattarsi a condizioni in continua evoluzione”.

Porta SU l’acqua nella borraccia

Sono due i manifesti che caratterizzano la campagna, che verranno posizionati in tutti i punti di attestazione veicolare. Il primo è Porta SU l’acqua nella borraccia, con cui si invitano gli escursionisti a essere il più possibile autonomi rispetto al fabbisogno d’acqua, in modo da intaccare il meno possibile la dotazione dei rifugi. Ma il messaggio vuole essere più generale: in caso di permanenza in quota è necessario ridurre il più possibile i propri consumi e accettare di buon grado le limitazioni, tra cui in prospettiva potrebbe essere ricompresa anche l’impossibilità di farsi la doccia. L’utilizzo della borraccia – ma virtuosa è anche la scelta di servirsi di una bottiglia in plastica da portare con sé in più momenti successivi – ha anche una ricaduta positiva sul contenimento della produzione di rifiuti.

Porta GIÙ tutti i tuoi rifiuti

Il secondo, Porta GIÙ tutti i tuoi rifiuti, invita l’escursionista a riportare a valle, e possibilmente a casa propria, sfruttando così al meglio i sistemi di differenziazione, residui e imballaggi di quanto ha consumato nel corso della propria gita.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close