Film

“Ascension to Ararat”, l’avventura di Nico Valsesia dal Mar Nero alla vetta dell’Arca

Nel luglio 2013 un atleta di endurance di Borgomanero, sale in sella alla sua bici sulla spiaggia di Genova Voltri e punta al Monte Bianco. Un viaggio a pedali fin dove possibile seguito da una ascensione alpinistica, tutto no-stop. Nasceva così il primo progetto in modalità “From 0 to” di Nico Valsesia. Al Monte Bianco sono seguite altre vette, in Italia e oltre confine, dal monte Rosa all’Aconcagua, raggiunte sempre con partenza dal livello zero. La sfida più recente, vissuta nel maggio 2021, lo ha visto tentare di raggiungere la vetta dell’Ararat (5137 m), il monte più elevato della Turchia, partendo dal Mar Nero. Un “From Zero to” particolarmente emozionante per Nico, accompagnato in questa avventura dal figlio Felipe. A raccontare il viaggio dei Valsesia, dall’Italia alla Turchia e quindi dalla costa alle montagne, è il regista Alessandro Beltrame nel documentario “Ascension to Ararat” (Turchia, 37′, 2021), disponibile su Itaca On Demand.

Sinossi

Dal mare alla vetta, “Ascension to Ararat” ripercorre la lunga pedalata di 500 chilometri dell’ultrarunner e ciclista novarese Nico Valsesia dal Mar Nero a Doğubeyazıt. Da qui, con il figlio Felipe, Nico prosegue il suo percorso a piedi per raggiungere la cima del Monte Ararat, la leggendaria montagna dove si narra si sia fermata l’Arca di Noè dopo il Diluvio Universale.

In Turchia, Nico e Felipe arrivano dopo un viaggio di oltre 4.000 chilometri attraverso il cuore dell’Europa centrale, esperienza condivisa con il videomaker e regista Alessandro Beltrame e il fotografo Dino Bonelli. Ma la spedizione sportiva si trasforma presto in un’esperienza personale che coinvolge tutti i partecipanti, soprattutto con l’entrata in scena di un nuovo protagonista che imprime una forte virata all’avventura turca, trasformando le certezze in domande e le domande in nuove e spiazzanti risposte.

Un film che racconta la storia di un viaggio, dove la vera conquista non è il record sportivo, ma l’esperienza umana, gli incontri inattesi e capaci di indicare strade diverse.

Tags

Articoli correlati

2 Commenti

  1. NICO. Emozioni a non finire,lo guardi negli occhi,e ti viene voglia di avventura, e non necessariamente estrema…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close