GreenRicerca

Siberia. Dal permafrost emerge un giovane rinoceronte lanoso

Ricordate l’esemplare di orso speleo di circa 30.000 anni fa emerso in perfette condizioni di conservazione dal permafrost siberiano lo scorso anno? Nei mesi corsi i ghiacci della Yakutia hanno restituito nuovi resti animali altrettanto preziosi. Si tratta di un giovane rinoceronte lanoso risalente a oltre 20.000 anni fa.

Il rinoceronte, dotato ancora di pelo color nocciola, è stato scoperto nell’agosto 2020 ma la notizia ha fatto il giro del mondo solo nelle ultime settimane. Accanto alla sua carcassa è stato ritrovato anche il tipico corno. Per millenni è rimasto preservato nei depositi di permafrost nei pressi del fiume Tirekhtyakh, nel distretto di Abyisky della Repubblica russa della Yakutia. Al momento, come informano gli scienziati, i resti sono ancora nel sito del ritrovamento ma, appena possibile, saranno trasferiti per analisi approfondite nella capitale Yakutsk.

Una scoperta eccezionale

Il piccolo rinoceronte venuto dal passato rappresenta finora l’esemplare giovane meglio conservato mai ritrovato tra i ghiacci della Yakutia. La carcassa è praticamente intatta all’80%. Come l’orso speleo dello scorso anno, presenta ancora gran parte dei suoi organi interni, inclusi denti, intestino, un grumo di grasso, dei residui di tessuti molli.

Secondo quanto dichiarato da Valery Plotnikov, paleontologo dell’Accademia Russa delle Scienze recatosi sul posto del ritrovamento per svolgere una prima valutazione, “il giovane rinoceronte aveva tra i 3 e i 4 anni e viveva separato dalla madre al momento della morte. Probabilmente dovuta a un annegamento”. 

Il sesso dell’esemplare ancora non è noto. Al pari si resta ancora in attesa dei risultati della datazione al radiocarbonio per definirne con precisione l’età. Attualmente l’ipotesi è che risalga ad un ampio periodo compreso tra i 20.000 e i 50.000 anni fa. Dall’analisi visiva della lunghezza del sottopelo – molto corto – il dottor Plotnikov conclude che la morte possa essere avvenuta in estate.

Il piccolo Sasha

Il rinoceronte lanoso è stato scoperto per caso da un residente locale, Alexei Savvin, non distante dal sito di ritrovamento di un altro baby rinoceronte lanoso, chiamato dai ricercatori Sasha, emerso dai ghiacci nel 2014. Il metodo al radiocarbonio ha decretato per la mummia del piccolo Sasha una età pari a 34.000 anni. Al momento della morte aveva appena 7 mesi. Lo prova il suo pelo morbido e biondo ancora intatto. .

Sempre nel medesimo distretto di Abyiski, nei pressi del fiume Tirekhtyakh, sono stati rinvenuti lo scorso anno due cuccioli di leone delle caverne.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close