Film

“Natale in quota”. Vivere le montagne da casa con CAI e Trento Film Festival

Dal 15 dicembre al 15 gennaio, 15 film tra i più amati dalle edizioni recenti del Trento Film Festival e scelti fra le produzioni sostenute dal Club Alpino Italiano saranno disponibili in streaming, per viaggiare con la mente tra le montagne del mondo. Una rassegna di fine anno che non poteva che intitolarsi “Natale in quota”.

Il cinema, un toccasana nel Natale delle distanze

Sarà un Natale segnato dalle distanze, quello in arrivo: distanti dai famigliari, dagli amici, dai luoghi del cuore e – inevitabilmente – dalle montagne, che in questo periodo potremmo vivere con molte limitazioni e con grandissimo senso di di responsabilità.

Ma le montagne non sono solo straordinari luoghi fisici: nei secoli, esse sono state sognate, pensate, disegnate,  scritte e – da oltre un secolo a questa parte, come ci insegna il libro di Roberto Mantovani Ciak, si scala! – raccontate in forma cinematografica.

Anche in questa nuova fase di emergenza sanitaria, così come nei mesi duri del lockdown, il cinema può rappresentare quindi un modo per viaggiare e esplorare le montagne del mondo, pur restando a casa, senza perdere mai il gusto per la scoperta e l’avventura.

Una iniziativa per sentirci vicini

“Vogliamo stare accanto alle persone nel momento in cui sono costrette a rinunciare alle avventure in natura e in montagna che tanto amano, consentendo loro di rivivere, singolarmente o in famiglia, le vicende ricostruite e raccontate dai protagonisti della cinematografia di montagna –  dichiara Vincenzo Torti, presidente generale del Cai – . Natale in quota vuole essere un invito a valorizzare, all’interno delle nostre case, quella capacità di attendere che permette agli alpinisti di trovare il momento di bel tempo decisivo per arrivare in cima. Lo abbiamo voluto immaginare, dunque, come una finestra sull’anno nuovo, un vero e proprio campo base del 2021″.

“Un’iniziativa fortemente voluta dal Trento Film Festival e dal Cai, che del Festival non è solo socio fondatore, ma colonna portante – aggiunge il presidente del Trento Film Festival Mauro Leveghi – . Il nostro vuole essere un contributo alla riflessione sul rapporto tra uomo e natura: per ripartire, dopo la pandemia, sarà necessaria una rinnovata cultura del limite, e di questo cambiamento le comunità di montagna credo possano essere una leva fondamentale”.

Come funziona

Dal 10 dicembre sarà possibile acquistare il pass sul sito www.nataleinquota.it, al costo di 20 euro (13 per i soci del Cai, richiedendo il codice sconto dal sito www.nataleinquota.it/cai), ma anche regalarlo alle persone care come pensiero speciale, per trascorrere le feste con i piedi responsabilmente a casa, ma con la mente e il cuore a camminare e sognare in alta quota.

I titoli disponibili

  1. “… More Beautiful Than Heaven” (Natalia Makhanko, Federazione Russa / 2018 / 63′)
  2. “Cielo” (Alison McAlpine, Canada, Cile / 2017 / 78′)
  3. “Dirtbag: The Legend Of Fred Beckey” (Dave O’Leske, Stati Uniti / 2017 / 96′)
  4. “Dreamland. A Documentary About Maciej Berbeka” (Stanisław Berbeka, Polonia / 2018 / 86′)
  5. “Finale ‘68. Di Pietre E Pionieri, Di Macchia E Altipiani” (Gabriele Canu, Italia / 2018 / 66′)
  6. “In questo mondo” (Anna Kauber, Italia / 2018 / 97′)
  7. “Itaca Nel Sole. Cercando Gian Piero Motti” (Natale Fabio Mancari, Tiziano Gaia, Italia / 2018 / 76′)
  8. “Ninì” (Gigi Giustiniani, Italia / 2014 / 65′)
  9. “Oltre Il Confine. La Storia Di Ettore Castiglioni” (Andrea Azzetti, Federico Massa, Italia, Svizzera / 2017 / 66′)
  10. “Piano To Zanskar” (Michal Sulima, Regno Unito / 2018 / 86′)
  11. “Queen Without Land” (Asgeir Helgestad, Norvegia / 2018 / 70′)
  12. “Reset – Una Classe Alle Svalbard” (Alberto Battocchi, Italia / 2017 / 52′)
  13. “Steps – Giovani Alpinisti Su Antichi Sentieri” (Alberto Dal Maso, Sara Segantin, Italia / 2019 / 49’)
  14. “Storie Di Pietre” (Alessandro Leone, Italia / 2019 / 74′)
  15. “This Mountain Life” (Grant Baldwin, Canada / 2018 / 78′)
Tags

Articoli correlati

Un commento

  1. Opportunita ‘interessante e lodevole .
    In alternativa, ripasso manuali tecnici, filmati tecnici, esercizio fisico con imitazione filmati,ripetizione di scale interne , stepper , vogatori, yoga.
    Certo che i film proposti dalle varie reti gratuite .. non vanno certo a sostenere la produzione di film recenti pagando i diritti con la frequentissima martellante pubblicita’.
    Si nota una ripetizione di fim stradatati ..e chi in passato li vide al cinema parrocchiale domenicale dopo il canonico catechismo, ormai non ne puo’ piu’di spaghedi western, callaghani vari, totto’contro maciste e dracula, cazzottoni spenceriani o inchiestete er mondezza .Il guaio e’che ci fanno sapere che..tra poco, per rivederli per l’ennesima volta ancor, dovremmo spendere per la nuova tecnologia dgtv2.
    Sara’ in alta definizione, che cuccagna il dejavu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close