News

Buco di Viso, ignoti danneggiano le protezioni antineve. Si rischiano danni alla struttura

Il 13 ottobre scorso il Buco di Viso, lo storico primo traforo alpino, era stato chiuso come ogni anno per l’inverno. Un lavoro necessario per preservare la struttura dalla neve, che potrebbe danneggiare il passaggio restaurato nel 2014.

Oggi la segnalazione da parte del Parco del Monviso che tale protezione antineve è stata manomessa in corrispondenza dell’accesso al Buco di Viso sul versante francese. “Ignoti hanno danneggiato gli ancoraggi del trave in legno che tiene fissato il pannello protettivo, installato ogni autunno per evitare che la neve si accumuli nel tunnel ostruendo il passaggio e recando danni alla struttura ripristinata nel 2014 in funzione di una migliore fruibilità di questo importante passo alpino. In considerazione della manomissione, la protezione risulta assolutamente precaria” fanno sapere dal Servizio Tecnico del Parco del Monviso.

La speranza è che sia possibile un veloce intervento di ripristino in considerazione del meteo, se così non fosse la struttura di protezione rimarrà decisamente più debole nei confronti degli accumuli di neve, che potranno creare ulteriori disagi a causa della pressione esercitata sulla protezione ora non più fissata in modo ottimale. Ciò favorirà la possibilità che la neve entri nel tunnel, da dove sarà molto più lungo e faticoso rimuoverla per l’avvio della prossima stagione escursionistica.

 “Dispiace constatare che ci sia ancora qualcuno capace di atti di vandalismo del genere, resi ancora più inspiegabili in quanto commessi in natura e a 3.000m di quota, – commenta il Presidente del Parco del Monviso, Gianfranco Marengoche non solo danneggiano una proprietà collettiva ma che arrecano un danno a tutti gli amanti della montagna e ai frequentatori del Giro del Monviso, che molto probabilmente patiranno le conseguenze di una ritardata apertura del Buco di Viso”.

Tags

Articoli correlati

2 Commenti

  1. Giusta indignazione..ma non sembra un danno irreparabile, specie se si hanno appresso chiodi, viti , altre assi, martello e cacciavite
    Forse i vandali volevano solo passare. avendo trovato bel tempo..peccato che dopo il passaggio non abbiano riparato.. un cacciavite ed alcune viti da legno non se ne sarebbe accorto nessuno.

  2. D’accordo. Non ci ero arrivato da solo, ma diciamo che FORSE chissà chi, voleva solo passare e non rischiare la pelle. Però… Sono nato in Francia, ho vissuto in Francia (anche Germania, ecc), sono semi francese/tedesco/meregano, autentico e so cosa vuol dire essere preso per certi italiani; e persino non esserlo; varie volte. E’ un fatto che i francesi (in jeans o divisa) hanno significato, molto forte, a me singolo, sovente, come ci odiano (v. atesini ecc.). Morale, ho venduto (quasi) tutto e sono tornato qua. Dove ho trovato il manganello dei malanesi. Magari meglio dei francesi ecc. . In teoria sono a … casa, anche se esule . Comunque, per me in quanto sopra c’è l’odio dei francesi, ovviamente vigliacco. E, ri-comunque, venga pure il bel jovine, if any, colà e muova pure un dito ( se mai ) per noi. cestino grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close