Arrampicata

Stefano Ghisolfi ripete “Change”, il 9b+ di Ondra: “Un bagno di sangue”

Sono state necessarie settimane di tentativi, ma alla fine Stefano Ghisolfi si è portato a casa la prima ripetizione di Change (Flatanger, Norvegia), il primo 9b+ al mondo.

Liberato nel 2012 da Adam Ondra nessuno era ancora riuscito a ripetere i 185 movimenti necessari per chiudere 55 metri di via, fino a oggi. Per Ghisolfi, atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Oro, si tratta del secondo 9b+ dopo Perfecto Mundo, ripetuta sul finire del 2018. “La battaglia è finita inaspettatamente presto” scrive sui suoi canali social. “Una lotta mentale e fisica, che mi ha richiesto due viaggi e mi ha tenuto più di un mese a Flatanger, si è conclusa oggi con un bagno di sangue durato più di un’ora in arrampicata. Mi sento sollevato, stanco e felice. Mi è piaciuto tutto ciò che è arrivato con questo fantastico, e frustrante, viaggio. Un percorso interrotto solamente per rientrare in Italia e guadagnarsi il primo gradino del podio al 36esimo Campionato Italiano Lead che si è tenuto il 13 settembre scorso a Brunico, poi di nuovo su, verso la terra dei fiordi, per chiudere l’ambiziosa via.

Stefano, quando hai immaginato di provare Change?

“L’idea è nata poco dopo l’inizio dell’anno. Più o meno nel momento in cui tutte le competizioni che ci sarebbero dovute essere sono state rimandate o annullate. Avevo bisogno di un nuovo obiettivo che mi motivasse, soprattutto durante il mese di agosto. Così ho iniziato a prepararmi allenandomi in modo specifico.”

Com’è stato chiuderla?

“Incredibile, soprattutto perché non me l’aspettavo lunedì (28 settembre, nda).”

Come mai?

“Non c’erano le condizioni migliori. Era una giornata calda, ed ero addirittura indeciso. Non sapevo se provare o magari riposare per aspettare una giornata migliore.”

Sui social hai scritto che è stata un bagno di sangue…

“Si è stata una lotta con le condizioni, ma non solo. Avevo tagli sulle dita che continuavano a sanguinare, alla fine è stata una grande soddisfazione.”

Stefano, quanto tempo ti ha richiesto il progetto?

“Ho provato la via per una ventina di giorni, da mattino a sera”.

In quella stessa grotta si trova anche Silence (9c), prossimo progetto?

“Non ho in programma di provarlo per il momento, però in futuro quello è il grado che vorrei tentare. Ne esiste anche un altro, Bibliographie, liberato da Alexander Megos a Céüse. Quella via ha uno stile più simile al mio.”

Tags

Articoli correlati

3 Commenti

  1. Io ho avuto la fortuna di vedere Silence, (la via 9C aperta da Adam Ondra) e per me se qualcuno mai la ripeterà darà un grado ancora più alto… per me dai vari 9B+ al 9C di Silence c’è molta differenza e difficoltà

  2. Per me è una notevolissima espressione del livello raggiunto dall’arrampicata sportiva !
    In questa attività sportiva alcuni italiani da anni stanno fra quelli che “alzano l’asticella”.
    E che ferrea disciplina !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close