Mostre e convegni

“Qui c’è un mondo fantastico”, uno sguardo nuovo sugli archivi del Museomontagna

Il 26 maggio scorso il Museo Nazionale della Montagna ha riaperto le porte ai visitatori, accogliendoli con nuove mostre. Da non perdere l’esposizione “Qui c’è un mondo fantastico – Sguardi contemporanei sugli archivi del Museomontagna”, a cura di Veronica Lisino, conservatore della Fototeca del Centro Documentazione Museomontagna, e da Giangavino Pazzola, curatore indipendente.

La mostra sarà visitabile dal 26 maggio al 8 novembre 2020, muniti di mascherina e nel rispetto delle disposizioni di sicurezza vigenti.

Una esplorazione tra gli archivi del Museomontagna

“Qui c’è un mondo fantastico” è un percorso di esplorazione e reinterpretazione delle raccolte fotografiche, e non solo, conservate negli archivi del Museo, dal punto di vista di quattro artisti: Marina Caneve, Vittorio Mortarotti, Laura Pugno e Davide Tranchina.

L’iniziativa fa parte del progetto iAlp – Musei Alpini Interattivi, che il Museomontagna conduce dal 2017 con il Musée Alpin di Chamonix-Mont-Blanc. E prosegue l’azione di valorizzazione delle collezioni degli archivi dell’istituzione torinese, declinandola come opportunità per ampliare la riflessione sulla rappresentazione della montagna e tracciarne visioni inedite.

I quattro artisti hanno definito “nuove” montagne per raccontare un mondo sempre uguale, ma allo stesso tempo sempre diverso, a partire da un’indagine degli stereotipi più classici della rappresentazione della montagna, come per esempio quello bucolico a cui fa riferimento il titolo della mostra. Richiamando allo stesso tempo la ricchezza del patrimonio del Museo e la protagonista del fortunato bestseller di Johanna Spyri (1880), Heidi, stereotipo alpino per eccellenza e icona pop della montagna. Un’analisi che ha portato alla realizzazione di opere inedite pensate appositamente per gli spazi del Museo.

Quattro visioni della montagna

Tranchina con la sua installazione descrive non tanto il luogo fisico e incantato quanto lo spazio poetico del conflitto interiore. Mortarotti nel suo lavoro rappresenta la montagna non più come un limite monumentale e inaccessibile, ma come una soglia umana da esplorare dall’interno, spazio della permeabilità e della possibilità. Pugno offre un’indagine formale sul paesaggio che racconta le contraddizioni nella costruzione dell’immaginario attraverso il processo della visione. La montagna di Caneve è la ricostruzione, attraverso dettagli, della rappresentazione ideale dei luoghi, un’associazione di idee capace di interrogare lo spettatore sui meccanismi che portano alla costruzione della conoscenza.

Il materiale selezionato dagli artisti, sia come elemento creativo da rielaborare, sia come suggestione o vero e proprio “atto di appropriazione” da includere nelle proprie installazioni o da accostare per creare nuove connessioni e significati, coinvolge tutte le raccolte conservate nell’Area Documentazione del Museomontagna. Comprese quella della Biblioteca Nazionale del Club Alpino Italiano che ne fa parte, come carte topografiche, libri e periodici.

Gli artisti si sono dunque mossi dall’Archivio Walter Bonatti al Fondo Mario Fantin, passando per il Fondo Francesco Ravelli e piccoli nuclei e serie di altri autori della Fototeca. Dai giochi da tavolo ai manifesti cinematografici e gadget pubblicitari delle Raccolte Iconografiche. Dalla serie dei calchi in gesso di incisioni rupestri ai libri di rifugio dell’Archivio alpinistico e ai filmati pubblicitari della Cineteca e Videoteca storica.

Un focus sulle Alpi occidentali

L’area d’indagine è stata circoscritta al territorio delle Alpi occidentali, limite spaziale del progetto iAlp con cui il Museomontagna, insieme al Museé Alpin di Chamonix, porta avanti un lavoro di catalogazione e digitalizzazione di una parte significativa dei rispettivi archivi, che sarà presto messa a disposizione su una piattaforma digitale, utile agli studiosi e a tutti coloro che vorranno accedere a una selezione delle collezioni, con la possibilità di usufruire di percorsi di consultazione tematici e personalizzati. La mostra è accompagnata da un catalogo bilingue (italiano – inglese) consultabile anche online in forma gratuita sulla piattaforma iAlp.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close