Film

“La terra buona”, una vicenda misteriosa nella selvaggia Val Grande

Il Mountain and Chill di questa settimana ci porta in montagna senza uscire di casa. E non andiamo neanche troppo lontano. “La terra buona” (1h 49’, 2018), è un lungometraggio drammatico ambientato nella Val Grande, in Piemonte, al confine con la Svizzera.

Un angolo ameno d’Italia, in cui non è possibile trovare negozi, strade asfaltate né illuminazione. La natura la fa da padrone. La presenza dell’uomo potrebbe definirsi totalmente assente se non fosse per la presenza di due unici abitanti dell’area: Padre Sergio e Gianmaria. I due hanno deciso di trascorrere la vita in semplicità, in una baita immersa nella natura. Ma i loro equilibri stanno per essere sconvolti, così come la pace della Val Grande. Gianmaria si presenta un giorno da Padre Sergio in compagnia di una coppia di sconosciuti. La loro missione è cercare una persona che il frate sta tenendo nascosta in gran segreto.

Ma chi sono questi due visitatori inattesi e chi stanno cercando? Si tratta di Giulia, detta Gea, e il suo amico Martino. Alla ragazza, che arriva da Roma, è stato diagnosticato un cancro al sistema linfatico senza apparenti possibilità di cure. Lo zio di Martino, don Lorenzo, le ha indicato come ultima speranza un medico che da anni sperimenta cure alternative, Giuseppe Mastroianni. Proprio colui che ora vive nascosto in Val Grande dopo essere stato accusato di avere “quasi ucciso” un paziente.

Qualche curiosità

Il film è stato girato in sole sei settimane nell’agosto 2016. La storia è in realtà ispirata a tre vicende realmente accadute e alla figura carismatica di un sacerdote, Padre Sergio De Piccoli. A lui si deve la costruzione di una grande biblioteca nella natura selvaggia a Marmora (CN), in Val Maira.

Il regista Emanuele Caruso ha scelto di affrontare un tema delicato dal punto di vista etico e scientifico, quello della medicina “alternativa”. Ha però dimostrato estrema bravura nel non prendere mai una posizione definita. Accanto al dramma di Gea, il film racconta per immagini un paradiso naturale, ancora poco noto ai turisti. La pellicola è disponibile su Prime Video.

 

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close