AlpinismoAlta quota

Elisabeth Revol, la sua stagione in Himalaya

Everest, Lhotse in primavera e poi il Manaslu questo autunno. È stata una stagione alpinistica intensa per Elisabeth Revol, che come sempre ha scelto di comunicare alla fine, con un video a riassumere i lunghi mesi sulle vette più alte del Pianeta. Una clip che si conclude con una citazione dalla poesia Desiderata di Max Ehrmann: “Va’ serenamente in mezzo al rumore e alla fretta e ricorda quale pace ci può essere nel silenzio”.

Everest e Lhotse

La francese ha iniziato il 23 maggio scorso con la cima dell’Everest, il giorno seguente era sul Lhotse. La prima raggiunta utilizzando le bombole di ossigeno.

Purtroppo, un risultato macchiato da una piccola polemica generata da un errore del suo sponsor che aveva annunciato inizialmente che la Revol fosse salita sul tetto del Mondo senza ossigeno. Uno sbaglio dettato dall’eccessivo entusiasmo, ma che si è ingigantito a causa della mancanza di una smentita da parte dell’alpinista, rimasta in silenzio per settimane mentre la notizia del suo record di prima traversata Everest-Lhotse senza ossigeno rimbalzava sui media e gli alpinisti presenti sulla montagna raccontavano di averla vista con la maschera.

Sulla vicenda Elisabeth era tornata anche in occasione dell’intervista rilasciata a Le Parisien sull’imminente uscita del proprio libro dedicato alla tragedia sul Nanga Parbat. Sul quotidiano francese, la Revol aveva ammesso di essere stata “negligente” e che avrebbe dovuto “reagire prima”.

Le immagini nel video non lasciano più alcun dubbio sull’Everest, non chiariscono invece il Lhotse.

Il Manaslu

A fine settembre a sorpresa, come sempre, le agenzie nepalesi presenti al Manaslu avevano annunciato che tra i 100 alpinisti in vetta c’era anche Elisabeth Revol. Non si sa se la vetta sia stata realizzata con l’ossigeno supplementare o meno, non è stata data informazione in merito.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close