• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Curiosità

Studenti in montagna senza smartphone. La ricetta detox della Bicocca

L’università Milano-Bicocca ha deciso di sottoporre i suoi studenti a una sfida particolare. Quattro giorni in montagna senza smartphone e connessione internet. Una ricetta detox contro la dipendenza dai social.

Il progetto “Mountain social media detox”

A partecipare alla sfida, svoltasi tra giovedì 29 agosto e domenica 1 settembre, sono stati in 50: 30 studenti universitari della Bicocca e 20 studenti e giovani lavoratori provenienti dal Trentino, tra i 18 ed i 30 anni.

“Reclusi” senza telefonino al Centro Aerat di Candriai (TN), sul Monte Bondone (2.180 m), hanno vissuto collegialmente una esperienza dal titolo “Mountain social media detox”.

Un progetto inserito nei Piani Giovani di zona di Trento e Arcimaga, finalizzato alla lotta alle dipendenze da social, alla promozione di un ambiente favorevole allo studio e alla concentrazione, alla cura della montagna, alla promozione di nuove connessioni tra il Monte Bondone e le città di Trento e Milano.

Come sopravvivere senza smartphone

Nel corso dei 4 giorni di progetto i ragazzi sono stati impegnati in momenti di studio offline e seminari sui social media e le dipendenze da social. Si sono dedicati inoltre ad attività sportive, ambientali, artistiche e culturali.

Al di là del Centro Aerat sono anche stati coinvolti in una gara di orienteering nel centro storico di Trento, associata a un’attività teatrale itinerante, con coinvolgimento di giovani passanti.

Uno staff parzialmente detox

Se da un lato i giovani partecipanti sono stati costretti a una totale astinenza da cellulare e web, lo staff organizzativo ha tentato di rispettare la regola del disintossicarsi in compagnia, limitando l’utilizzo del telefono a sms e telefonate di emergenza. Non è stato ammesso neanche da parte loro l’utilizzo di email, chat, social media.

 

Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

  1. Incredibile….che barbarie, poveri ragazzi, lontani dal mondo per ben 4 giorni. Come avranno fatto a sopravvivere? Secondo me qualcuno in questa pagliacciata ci ha guadagnato qualche euro…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.