• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Interviste, Primo Piano

Gogna su “Save the mountains”: è un’iniziativa imprenditoriale, nulla a che vedere con l’ambiente

Foto archivio Alessandro GognaFoto archivio Alessandro Gogna

“Salva le Orobie da ‘Save the Mountains’” è la petizione lanciata sul web che in questi giorni sta raccogliendo numerose adesioni da parte di appassionati contrari all’iniziativa del CAI Bergamo, che prevede di portare sui sentieri delle Orobie circa diecimila persone contemporaneamente. Fissato per il prossimo 7 luglio, il progetto sta suscitando l’opposizione di molti nomi noti nel mondo della montagna, tra questi anche Alessandro Gogna, guida alpina, alpinista, fondatore e garante dell’associazione Mountain Wilderness.

 

Gogna, si è fatto un gran parlare di questo progetto: a cosa si deve la sua contrarietà?

“Credo che qualunque manifestazione di massa, non solo questa, che si svolga in montagna non sia altro che una scusa per ottenere un insieme di altre cose”.

Per esempio?

“Intanto il prestigio di aver organizzato un evento del genere, infatti parlano di guinness. Un riconoscimento che, tra l’altro, il CAI Bergamo ha già ottenuto due anni fa con la cordata della Presolana, perdendo un po’ di vista, a mio parere, quella che dovrebbe essere la sua ‘mission’.

In secondo luogo c’è la questione economica, perché è chiaro che diecimila persone fanno gola: qualche soldo sul territorio lo lasciano, bisogna però valutare se questo compensa i danni prodotti.

La cosa certa di questa iniziativa è che non la si può chiamare “Save the Mountains”, si tratta di un progetto imprenditoriale”.

Nella sua visione come dovrebbe essere un “Save the Mountains” coerente con il proprio nome?

“Dovrebbe essere un evento non di massa, non invasivo, rispettoso dell’ambiente nel vero senso della parola. Un momento in cui insegnare la cultura delle terre alte. A supporto dell’iniziativa principale ci dovrebbe poi essere tutta una serie di attività collaterali in grado di ampliare e approfondire il discorso.
Quando l’obiettivo principale è invece portare diecimila persone in una ventina di rifugi si capisce subito che qualcosa non va. Venti rifugi vuol dire che qualcuno sarà a quattro ore di cammino e qualcun altro a mezz’ora. S’immagini allora cosa possa significare avere diecimila persone in giro: non quattrocento persone a rifugio, ma dieci in quelli più lontani e tremila negli altri”.

Nelle dichiarazioni rilasciate a Montagna.TV, il presidente Valoti ha sottolineato che l’obiettivo finale è quello di creare “degli ambasciatori di sostenibilità”…

“È un ossimoro, una contraddizione interna. Non si possono creare degli ambasciatori di sostenibilità in questo modo. La montagna dovrebbe essere un posto di pace, di silenzio, non puoi riminizzarla portandoci su diecimila persone in quella maniera, anche solo per un giorno. So bene che quella singola giornata non rovina l’ambiente, non sono preoccupato per questo. Credo anzi che l’organizzazione avrà pensato a un sistema per eliminare tutti i rifiuti. Io critico l’idea alla radice: è la massa il problema”.

Articolo precedenteArticolo successivo

10 Comments

  1. Quando ci sono questi eventi che attirano masse in alta montagna, spero sempre che i partecipanti abbiano evacuato a casa loro prima di partire.Oppure che il giorno dopo scoppino acquazzoni abbondanti.

    1. Albert sei, come sempre, illuminante… e carico di quela forma sopraffina e superlativa di intelligenza: Ironia e Sprezzatura rinascimentale.
      Un dono!

  2. Ma il signor gogna che stimo molto,ha letto la locandina ufficiale,poi posso capire che il Mio Presidente all’inizio abbia dichiarato una cosa…ma adesso non è cosi.

    1. no Lorenz, così come tutti i pecoroni che sono restati attaccati a quanto dichiarato SEI mesi fa 🙂
      Non si accetta che in sei mesi (oltre che a partorire una pecora) le “idee” e quindi i progetti possano cambiare.
      Molto più facile rimanere attaccati a qualcosa che possa suscitare clamore (come del resto funziona il mondo delle fake news).
      Ma sai…sono convinti che con la petizione (del nulla) hanno tutti preso paura e ribaltato tutti i contenuti….in tre giorni :-):-):-)
      Ridicoli

      1. scusa allora senza ulteriori polemiche illuminaci tu,
        perchè la locandina è alquanto vaga in proposito…
        Spiegami nella pratica perchè organizzare un maxi evento con migliaia di persone nei rifugi dovrebbe contribuire a creare “ambasciatori di sostenibilità”?
        E poi cosa sarebbero questi “ambasciatori”? gente a caso vestita con il kit del cai di bergamo??
        continuo a non capire il senso profondo di questa iniziativa

  3. Il C.A.I. è in aperta e piena contraddizione con la ragione della sua esistenza. Oltre che con le buone norme per la montagna che si affatica a scrivere e proclamare ma si diverte a calpestare. E non gratuitamente.

  4. Pienamente d’accordo con l’intervento. L’iniziativa è in contrapposizione con l’anima del CAI, ne tradisce, a mio avviso, con il proprio scopo.
    Se di educare ce n’è un gran bisogno, non lo si fa portando centinaia di persone nello stesso luogo.

    1. credo che un sodalizio in qualche modo garante della Montagna e di chi la pratica potrebbe spendersi in altre piccole cose che stanno creando problemi a chi la frequenta in modo amatoriale e anche, a torto o ragione, agonistico. per esempio battersi civilmente per ottenere percorsi preferenziali in sicurezza..”vera” nella pratica dello scialpinismo che spesso richiede di salire a fianco di piste battute. Anche in bergamasca la cosa é problematica irrisolta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.